Fiore/XXXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXXIV

../XXXIII ../XXXV IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XXXIII XXXV

 
L’Amante

 Pianto, sospiri, pensieri e afrizione
Eb[b]i vernando in quel salvag[g]io loco,
Ché pena de·ninferno è riso e gioco
Ver’ quella ch’i’ soffersi a la stagione4

 C[h]’Amor mi mise a tal distruzïone
Ch’e’ no·mi die’ sog[g]iorno as[s]à’ né poco:
Un’or mi tenne in ghiaccio, un’altra ’n foco.
Molto m’atten[n]e ben sua promessione,8

 Ma non di gioia né di nodrimento:
Ch’e’ di speranza mi dovea nodrire
Insin ched e’ mi desse giug[g]iamento.11

 Digiunar me ne fece, a ver vo dire;
Ma davami gran pez[z]e di tormento,
Con salsa stemperata di languire.14