Fiore/XXXV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXXV

../XXXIV ../XXXVI IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XXXIV XXXVI

 
L’Amante e Ragione

 Languendo lungiamente in tal manera,
E non sapea ove trovar socorso,
Ché ’l tempo fortunal che m’era corso
M’avea gittato d’ogne bona spera,4

 Allor tornò a me, che lungi m’era,
Ragion la bella, e disse: "Tu·sse’ corso,
Se·ttu non prendi i·me alcun ricorso,
Po’ che Fortuna è ’nverso te sì fera.8

 Ed i’ ò tal vertù dal mi’ Segnore
Che mi crïò, ch’i’ metto in buono stato
Chiunque al mi’ consiglio ferma il core;11

 E di Fortuna che·tt’à tormentato,
Se vuogli abandonar il Die d’Amore,
Tosto t’avrò co·llei pacificato".14