Fiore/XXXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXXVI

../XXXV ../XXXVII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XXXV XXXVII

 
L’Amante

 Quand’ i’ udì’ Ragion che ’l su’ consiglio
Mi dava buon e fin, sanza fallacie,
Dicendo di trovarmi acordo e pace
Con quella che m’avea messo ’n asiglio,4

 I’ le dissi: "Ragion, vec[c]o ch’i’ piglio!
Ma non ch’i’ lasci il mi’ signor verace,
Ched i’ son su’ fedel, e sì mi piace
Tanto ch’i’ l’amo più che padre figlio.8

 Onde di ciò pensar non è mestero
Né tra no’ due tenerne parlamento,
Ché non sareb[b]e fatto di leg[g]iero11

 Perciò ch’i’ falseria mi’ saramento.
Megli’ amo di Fortuna es[s]er guer[r]ero
Ched i’ a·cciò avesse pensamento".14