Fiore/XXXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXXVII

../XXXVI ../XXXVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XXXVI XXXVIII

 
Ragione

 "Falsar tal saramento è san’ pec[c]ato,
Poi te’ ciascun, secondo Dicretale,
Che, se l’uon giura di far alcun male,
S’e’ se ne lascia, non è pergiurato.4

 Tu mi proposi che tu se’ giurato
A questo dio, che·tt’à condotto a tale
C[h]’ogne vivanda mangi sanza sale,
Sì fortemente t’à disavorato.8

 E sì si fa chiamar il Die d’Amore:
Ma chi così l’apella fa gran torto,
Ché su’ sornome dritto sì è Dolore.11

 Or ti parti da·llui, o tu se’ morto,
Né no’l tener giamà’ più a signore,
E prendi il buon consiglio ch’i’ t’aporto".14