Fiore/XXXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXXVIII

../XXXVII ../XXXIX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XXXVII XXXIX

 
L’A[mante]

 "Ragion, tu sì mi vuo’ trar[e] d’amare
E di’ che questo mi’ signor è reo,
E ch’e’ non fu d’amor unquanche deo,
Ma di dolor, secondo il tu’ parlare.4

 Da·llui partir non credo ma’ pensare,
Né tal consiglio non vo’ creder eo,
Chéd egli è mi’ segnor ed i’ son seo
Fedel, sì è follia di ciò parlare.8

 Per ch’e’ mi par che ’l tu’ consiglio sia
Fuor di tu’ nome troppo oltre misura,
Ché sanza amor nonn-è altro che nuìa.11

 Se Fortuna m’à tolto or mia ventura,
Ella torna la rota tuttavia,
E quell’ è quel che molto m’asicura".14