Fiore di virtù/X

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo X. Del vizio della crudeltà appropriata al basilisco

../IX ../XI IncludiIntestazione 4 gennaio 2009 75% Saggi

Anonimo - Fiore di virtù (XIV secolo)
Capitolo X. Del vizio della crudeltà appropriata al basilisco
IX XI


Crudeltà che è contrario vizio della misericordia, secondo che dice Andronico, si è di cinque modi: la prima si è non avere mai alcuna compassione d’altrui; la seconda si è non sovvenire di quello ch’e’può all’altrui miseria; la terza si è non volere perdonare ad altrui l’offese; la quarta si è volere punire altrui d’alcuna cosa più che si convenga; la quinta si è ferocità d’animo, cioè offendere altrui senza cagione. E puossi appropriare la crudeltà al basilisco, il quale si è uno serpente che uccide altrui pur guardandolo, nè mai ha in sè alcuna misericordia: chè s’egli non truova altro da potere attoscare, si attosca gli álbori pure con uno sufolo che fa; e l’erbe che gli sono intorno fa seccare per lo fiato che gli esce di corpo, ch’è cosi rio. Della crudeltà dice Jesus Sirac: Non essere come il lione nella tua casa, che non ha misericordia de’ suoi sudditi. Massimiano dice: Più vil cosa non è nel mondo d’una vile persona montando in istato. Ermes dice: Non dare afflizione allo afflitto, perch’egli non caggia in disperazione. Cassiodoro dice: Sopra tutte le crudeltadi del mondo si è a volere arricchire del sudore altrui. Della crudeltà si conta in Ovidio, ch’essendo innamorata Medea di Giasson, ella gli tenne dietro, e menò un suo fratello seco, e si lo uccise, e miselo in luogo laddove lo padre lo trovasse, se le tenesse dietro, acciocch’egli s’indugiasse tanto, vedendo quello dolore, ch’ella potesse avere maggiore spazio di fuggire. E poi, essendo stata un gran tempo con lui, Giasson n’ebbe due figliuoli, e poi avendola lasciata per un’altra donna, si uccise gli figliuoli, e bevè il sangue in suo dispetto, e poi si ammatti, e andò per lo mondo, e più non si seppe di lei.