Fiore di virtù/XIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo XIX. Della lealtà appropriata alla grua

../XVIII ../XX IncludiIntestazione 16 gennaio 2009 75% Saggi

Anonimo - Fiore di virtù (XIV secolo)
Capitolo XIX. Della lealtà appropriata alla grua
XVIII XX


Lealtà, secondo Terenzio, si è pura e perfetta fede e non mostrare una cosa per un’altra. E puossi appropriare la lealtà alle grue, che hanno uno loro re, e tutte lo servono più lealmente che niuno altro animale serva al suo signore; e la notte quando dormono, mettono il re in mezzo, e stannogli tutte intorno, e sempre mettono due o tre guardie, perch’elle non si addormentino; e tengono l’uno piè in terra e l’altro levato, e nel piè levato tengono una pietra, chè se il sonno gli abbattesse, la pietra gli caderebbe dal piede: e questo si è tutto per la grande lealtà che si portano insieme, e per non fallare al re, nè a loro compagnia, che stanno alla loro sicurtade. Seneca dice: Chi perde la fede, appena può altro perdere. Salomone dice: Molte persone sono chiamate pietose, ma poche se ne trovano leali. Aristotile dice: Non rompere la fede a niuno; chè non si conviene se non a meretrici o a fanciulli. Socrate dice: Sii leale a chi è leale a te; e sarai sicuro di non fare mala fine. Giovenale dice: Tutte le cose del mondo altri le biasima, altri le loda, se non due lealtà e verità; queste sempre si lodano. Longino dice: Per tre cose può l’uomo venire in grande stato, usando lealtà, dicendo verità, e non pensando cose vili. Della lealtà si legge nelle Storie Romane, che essendo Marco Regolo preso da quegli di Cartagine, che aveano guerra co’ Romani, si fu mandato a Roma per iscambiare gli presi che aveano gli Romani con quegli che aveano quegli di Cartagine; e facendo di ciò i Romani consiglio nel Senato, si si levò Marco, e consigliò che il cambio non si dovesse fare; perchè i prigioni di Roma che erano a Cartagine si erano di vil condizione e quasi tutti vecchi, e quegli di Cartagine, che erano a Roma, si erano tutti de’ maggiori e migliori uomini di Cartagine, e tutti buoni, e giovani e valorosi combattitori di guerra. Sicchè, fatto il consiglio, si fermarono gli Romani al suo detto; ed egli per non rompere la fede si tornò prigione a Cartagine, siccom’egli avea promesso a’ Cartaginesi.