Fra las cretos di Culino

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
F

Canti cantastoria Fra las cretos di Culino Intestazione 17 febbraio 2008 75% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Fra las cretos di Culino
e las monts di Rigulât,
j'ai vidût la mê ninino
cul riscjel intortulât

2Las fantatos di Culino
cuant ch'a vegnin cjôli il sâl,
metin sù cuatri forchetos
e si cambin di grimâl

3Velu là velu lavio
velu là ch'al ven cumò
al à la pipo in te sacheto
cenço un fregul di tabac.

4Biel al è di maridâsi
e di cjoli cui cu plâs
e di dì si fâs barufo
e in tal jet si fâs la pâs.

5I fantats di chesto vilo
i an uno pipo in siet di lôr
i se presto l’un cun l’âti
cuant ch'i van a fâ l’amôr (variant:a bevi atôr)…

6Lait a rosis in montagne,
a garofui cà di me;
domandàit ai miei di cjase,
ch'a son lôr parons di me

7Duç mi disin ch'o soi biele,
dîs ancje jo che no soi mâl;
o ai 'ne biele cotulute,
lis curdelis sul grimâl


Traduzione

Sulle rocce di Collina
e i monti di Rigolato,
ho visto la mia cara
col rastrello attorcigliato

2Le ragazze di Collina
quando vengono a comprare il sale,
mettono su quattro forcine
e si cambiano il grembiule

3Guardalo là, guardalò laggiù,
guardalo là che arriva adesso;
ha la pipa in tasca,
senza una briciola di tabacco

4E' bello sposarsi
e prendere quello che piace
e di giorno si litiga
e nel letto si fa la pace

5I ragazzi di questo paese
possiedono una pipa in sette
e se la prestano l'un l'altro
quando fanno a fare l'amore (variante: a bere ingiro)

6Andate a fiori in montagna,
a rose qua di me;
domandate ai miei di casa,
che sono loro padroni di me

7Tutti mi dicono che sono bella,
dico anch'io che non sono male;
o une bella gonnellina,
le trecciole sul grembiule