Ho di me stesso una pietà sì forte

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Francesco De Lemene

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Ho di me stesso una pietà sì forte Intestazione 5 maggio 2022 100% Da definire


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Francesco da Lemene


[p. 232 modifica]

XIII


Ho di me stesso una pietà sì forte,
     Che mi fa lagrimar lo stato mio,
     Qualor ripenso al giovanil desìo,
     Che Amore accese, e spegnerà sol Morte.
5Sono in fosco sentiero, e non ho scorte,
     Che mi guidino al porto, ove m’invìo;
     Che quelle luci, onde me stesso obblìo,
     Altrui liete splendendo a me son morte.
Già lascia la speme, e meco ancora
     10Sol’ho il cieco desìo nel cammin tetro,
     Che vuol, che seco io viva, e seco io mora.

[p. 233 modifica]

Lasso! E in questo sentiero io non m’arretro,
     Per ritornare, onde partii; che fora
     Troppo lungo cammin tornare indietro.