Il Conte di Carmagnola/Atto secondo/Scena V

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto secondo

Scena quinta

../Scena IV ../Scena VI IncludiIntestazione 12 febbraio 2012 75% Da definire

Atto secondo - Scena IV Atto secondo - Scena VI

[p. 235 modifica]


IL CONTE.


Eccolo il dì ch’io bramai tanto. — Il giorno
Ch’ei non mi volle udir, che invan pregai,
Che ogni adito era chiuso, e che deriso,
Solo io partiva, e non sapea per dove,
Oggi con gioia io lo rammento alfine.
Ti pentirai, dicea, mi rivedrai,
Ma condottier de’ tuoi nemici, ingrato!
Io lo dicea; ma allor parea un sogno.
Un sogno della rabbia; ed ora è vero,
Gli sono a fronte: ecco mi balza il core;
Io sento il dì della battaglia... E s’io...
No: la vittoria è mia.