Il corsaro/Canto I/XV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Filosofia

Canto I
XV ../XIV ../XVI IncludiIntestazione 3 marzo 2011 100% poesie

Canto I - XIV Canto I - XVI
[p. 36 modifica]

XV.


» Partì dunque Corrado!» Oh, come spesso
Fia che tu il chiegga, a la improvvisa, e muta
Solitudine o misera!....» Quì stava!....
» Meco quì!.... ed ora?....» Su l’estrema soglia
Del portico si slancia, e in traboccante,
Libero piagner si discioglie; grevi
Lucenti, e a lei che pur le versa ignote,
Cadono in sen le lagrime, ed il labbro
Immobile, ricusa anco un addio.
Addio?.... Voce fatal, che fè promette
E speme, e soffia disperato affanno!
Sovra la faccia pallida dipinto
È il duol, che tempo non scancella mai,
E l’amorose, azzurre, ampie pupille
Gelide, e fisse ha sul terribil vuoto
Che la circonda. Alfin rivede un lampo,
Ma lunge, oh quanto! un ombra di colui,
E allor più s’addolora, e il negro ciglio
Di stille inesauribili s’ingombra
Sì, che par che vi nuotino mestissime
Ambo le luci.» Lassa, ahimè!.... Partìo!.....
E in così dir la man convulsa, e presta

[p. 37 modifica]

Sul cor si posa, e dolcemente al cielo
Poi la solleva; e quinci l’onde mira,
E scorge quindi la candida vela.....
E più non osa rimirar, ma volge
L’egro sguardo a la porta, ed » ahi Corrado!
» Sclama,.... sogno non è!.... me desolata!