Il crepuscolo degli idoli/Come il Mondo-verità divenne infine una favola

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Come il Mondo-verità divenne infine una favola

../La ragione nella filosofia ../La morale in quanto manifestazione contro natura IncludiIntestazione 23 novembre 2015 100% Da definire

Friedrich Nietzsche - Il crepuscolo degli idoli (1889)
Traduzione dal tedesco di Anonimo (1924)
Come il Mondo-verità divenne infine una favola
La ragione nella filosofia La morale in quanto manifestazione contro natura
[p. 71 modifica]

COME IL «MONDO-VERITÀ»
DIVENNE INFINE UNA FAVOLA.


Storia di un errore.


1.

Il «mondo-verità», accessibile al saggio, al religioso, al virtuoso, — esso vive in lui, è lui stesso quel mondo.

(La forma più antica dell’idea, relativamente intelligente, semplice, convincente. Perifrase della proposizione: «Io, Platone, io sono la verità»).


2.

Il «mondo-verità», per il momento inaccessibile, ma permesso al saggio, al religioso, al virtuoso («per il peccatore che fa penitenza»).

(Progresso dell’idea: essa diviene più fine, più insidiosa, più imprendibile, — essa diviene donna, diviene cristiana...).

[p. 72 modifica]


3.

Il «mondo-verità», inaccessibile, indimostrabile, che non si può promettere, però, neanche se non è che immaginato, una consolazione, un imperativo.

(L’antico sole in fondo, ma oscurato dalla nebbia e il dubbio; l’idea divenuta pallida, nordica, koenigsbergica).


4.

Il «mondo-verità» — inaccessibile? In ogni caso non ancora raggiunto. Dunque sconosciuto. È perchè esso non consola nè salva più, non obbliga più a niente: come una cosa sconosciuta potrebbe obbligarci a qualche cosa?...

(Alba grigia. Primo sbadiglio della ragione, Canto del gallo del positivismo).

[p. 73 modifica]


5.

Il «mondo-verità» — un’idea che non serve più a niente, — un’idea divenuta inutile e superflua, per conseguenza, un’idea confutata: sopprimiamola!

(Giornata chiara; prima colazione; ritorno del buon senso e della gaiezza; Platone arrossisce di vergogna e tutti gli spiriti liberi fanno un fracasso del diavolo).


6.

Il «mondo-verità», noi l’abbiamo abolito: quale mondo ci resta? Il mondo delle apparenze forse?... Ma no! con il mondo-verità noi abbiamo abolito anche il mondo delle apparenze!

(Mezzogiorno; il momento dell’ombra più corta; fine dell’errore più lungo; punto culminante dell’umanità: Incipit Zarathustra).