Il giornalino di Gian Burrasca/24 dicembre

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
24 dicembre

../23 dicembre ../25 dicembre IncludiIntestazione 31 luglio 2010 75% Diari

23 dicembre 25 dicembre


24 dicembre.


Il dottore ha detto che il braccio ritornerà certo come prima, ma intanto io non posso moverlo.

Luisa, alla quale il babbo aveva scritto di questa mia malattia, ha risposto proponendo di mandarmi da lei a Roma dove il dottor Collalto dice che c’è un suo amico specialista che mi farebbe la cura elettrica e il massaggio sicché potrei trattenermi da loro durante le vacanze di Natale e poi ritornare a casa guarito.

Io ho incominciato a urlare dalla contentezza, e avrei anche battuto le mani se mi riuscisse d’alzare il braccio.

- Però - ha detto il babbo - con che coraggio ti si può mandar fuori di casa?

- Io starei sempre in pensiero di qualche disgrazia - ha aggiunto la mamma.

L’Ada ha messo la nota finale:

- Bisogna proprio dire che il Collalto sia un buon uomo a invitarti a casa sua dopo il bel regalo di nozze che gli facesti...

Io son rimasto così avvilito da questo plebiscito, che la mamma s’è mossa a compassione e ci ha messo subito una buona parola:

- Se almeno, dopo tanti guai, promettesse proprio sul serio d’esser buono d’esser gentile col dottor Collalto...

- Sì lo prometto! - ho gridato con quello slancio e quell’entusiasmo che metto sempre nelle mie promesse.

E così, dopo un po’ dì discussione, è stato stabilito che per Santo Stefano il babbo mi accompagnerà a Roma.

Io sono felice e benedico il momento in cui mi son rovinato il braccio.

Andare a Roma è un mio antico sogno, e non mi par vero di vedere il Re, il Papa, gli Svizzeri e tutti i monumenti antichi che ci sono.

Quello poi che mi solletica più di tutto è l’idea di far la cura elettrica, solamente a pensarci mi par di sentirmi dentro il corpo una batteria di pile e non posso star fermo.

Viva Roma capitale!

#

In questo momento ho saputo che Cecchino Bellucci sta male.

Pare che sia proprio un affare serio, e che sia difficile che la gamba gli ritorni come prima.

Povero Cecchino! Ecco a che cosa si può andare incontro quando ci si vanta di saper fare una cosa, mentre invece non se ne sa niente!

Però mi dispiace molto di questa cosa perché il Bellucci con tutti i suoi difetti è un buon ragazzo.