Il giornalino di Gian Burrasca/2 marzo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
2 marzo

../1 marzo ../Epilogo IncludiIntestazione 31 luglio 2010 75% Diari

1 marzo Epilogo


2 marzo

Oggi sono stato da Gigino Balestra al quale ho confidato il mio progetto. Egli ci ha pensato un po’ sopra e poi mi ha detto:

- È una buona idea! Ci andremo insieme. -

Infatti siamo rimasti d’accordo che domattina alle undici anderemo alla Direzione dell'Unione Nazionale e porteremo una rettifica (dice Gigino che si chiama così) all’articolo intitolato: I nemici della religione.

Questa rettifica l’abbiamo combinata insieme, e ora, prima di andare a letto, l’ho ricopiata perbene in certi fogli di carta che mi ha dato Gigino e nei quali mi ha raccomandato di scrivere da una parte sola perché dice che quando si scrive per la stampa sì deve far cosi.

Ed ecco la rettifica che ricopio tal quale:

Onorevole Direzione,

Leggendo l’articolo del numero scorso del suo pregiato giornale il quale è intitolato "I nemici della religione" mi credo in dovere di fare osservare alla S. V. che non è esatto quel che si afferma nel detto articolo dove è scritto che l’avvocato Maralli mio cognato è miscredente, mentre posso garantire che questo è assolutamente falso avendo assistito io in persona al suo matrimonio che fu celebrato nella chiesa di San Sebastiano a Montaguzzo dove si comportò molto divotamente dando prova di essere un buon cristiano al pari di chiunque.

GIANNINO STOPPANI.

È la prima volta che scrivo un articolo in un giornale e non mi par vero di arrivare a domani.

Stamani mi sono alzato ho fatto il riscontro di cassa e vi ho trovato la somma di lire italiane settecentododici e centesimi trentacinque.

Quando sono sceso per là colazione ho trovato il babbo di un umore insopportabile, perché dice che io non studio, che io non penso che a divertirmi e altre simili ripetizioni che non so capire come non gli venga a noia a ritirarle fuori cosi spesso senza neanche cambiarci una sillaba, senza trovarci neppure un’intonazione di voce diversa.

Basta. Io sono stato a sentirlo con rassegnazione fino alla fine pensando alla rettifica che devo portare all'Unione Nazionale.

Come mi accoglieranno?

Uhm! In ogni modo bisogna ristabilire la verità, come ha detto Gigino Balestra, e io lo farò ad ogni costo.

#

Siamo stati, come avevamo stabilito, con Gigino Balestra alla Direzione del giornale l'Unione Nazionale, e sono proprio soddisfatto di avere avuto un’idea cosi felice...

Da principio quando ci siamo presentati in ufficio, vedendo due ragazzi non ci volevano far passare nella Direzione e uno ci ha detto:

- Ragazzi, qui non si ha tempo da perdere!... -

Il bello è che lui stava lì a sedere dinanzi a un tavolino senza far nulla!

- Ma noi veniamo per una rettifica! - ha detto subito Gigino Balestra dandosi una certa aria.

- Una rettifica? Che rettifica? -

Allora sono intervenuto io e ho detto:

- Siccome nell'Unità Nazionale è stato stampato che l’avvocato Maralli non è cristiano, io che sono il suo cognato posso giurare che non è vero perché l’ho visto io con questi occhi quando ha sposato mia sorella che stava inginocchiato nella chiesa di San Sebastiano a Montaguzzo.

- Come, come? Lei è cognato dell’avvocato Maralli? Ah! Aspetti un poco... -

E quel giovanotto è andato in un’altra stanza da dove è riuscito poco dopo dicendomi:

- Si accomodino! -

E cosi siamo entrati proprio dal direttore che è un uomo con una testa pulita pulita, e anzi è la sola cosa pulita che abbia perché ha un vestito che pare tessuto col sudiciume, e una cravatta nera tutta unta nel cui centro brillava uno schizzo di torlo d’uovo in modo che pareva proprio che ce lo avesse messo lì apposta per far finta d’averci uno spillo d’oro.

Però è stato molto gentile e quando ha letto la mia rettifica, dopo aver riflettuto un poco ha detto:

- Benissimo! La verità innanzi tutto... Ma ci vorrebbero delle prove... dei documenti... -

Io allora gli ho raccontato che tutto il fatto com’era andato era descritto qui nel mio giornalino, in quelle pagine che fortunatamente avevo potuto salvare dal caminetto quando il mio cognato aveva tentato di distruggerle...

- Ah! aveva tentato di distruggerle, eh?

- Sicuro! Ma vede la combinazione, eh? Se io non le avessi riprese a tempo ora sarebbe peggio per lui perché non potrei dimostrare la verità di quel che io dico...

- Eh già... sicuro... -

Infatti il direttore dell'Unione Nazionale, ha detto che gli era necessario di vedere questo mio giornalino con la mia firma, e ho fissato di portarglielo stasera stessa, mentre egli da parte sua si è impegnato di pubblicare nel prossimo numero non solo la mia rettifica, ma anche se ci sarà bisogno la descrizione del matrimonio religioso di mio cognato...

Chi sa che piacere avrà il Maralli quando leggerà l’articolo nel giornale avverso dove gli renderanno giustizia, e quando saprà che io sono stato la causa di tutto. Mi figuro già di vedermelo venire incontro con le braccia aperte a rifar la pace, e allora si metterà una pietra sul passato e l’innocenza trionferà contro tutte le calunnie...

E ora, caro giornalino mio, ti chiudo e mi accingo a separarmi da te per qualche giorno, ma son contento perché tu mi aiuti a compiere una buona azione e a far rifulgere la verità contro tutte queste invenzioni tendenziose - come le chiama il mio amico Gigino Balestra!

Gianburrasca116.gif