Il libro dell'arte/Capitolo XLVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo XLVI

../Capitolo XLV ../Capitolo XLVII IncludiIntestazione 26 marzo 2016 75% Da definire

Capitolo XLV Capitolo XLVII
[p. 30 modifica]

Capitolo XLVI.

Della natura di un color giallo ch’è chiamato giallorino.


Giallo è un colore che si chiama giallorino, el quale è artificiato, ed è molto sodo. È grieve come prieta, e duro da spezzare. Questo colore si adopera in fresco, e dura sempre, cioè in muro e in tavola con tempere. Questo colore vuol essere macinato, sì come gli altri predetti, con acqua chiara. Non molto vuol essere triato; e innanzi che il trii, perchè è molto malagevole a ridurlo in polvere, convienti per mortaro di bronzo pestarlo, sì come de’ fare del lapis amatito. Ed è, quando l’hai mettudo in opera, color molto vago in giallo: chè di questo colore con altre mescolanze, come [p. 31 modifica]ti dimostrerò, se ne fa di belle verdure e color d’erbe. E sì mi do a intendere che questo colore sia propia prieta, nata in luogo di grandi arsure di montagne: però ti dico sia color artificiato, ma non di archimia.