Il milione (Laterza,1912)/CLIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLIX. Del reame di Eli

../CLVIII ../CLX IncludiIntestazione 26 dicembre 2018 75% Da definire

CLVIII CLX
[p. 229 modifica]

CLIX (CLXXXII)

Del reame de Eli.

Eli si è un reame verso ponente, ed è di lungi di Comacci1 quattrocento miglia. Qui si hae re e sono gente idolatra, e non fanno tributo a veruna [altra] persona. Questo reame non ha porto, salvo che hae un gran fiume, il quale hae buone foci. Qui si nasce pepe e giengiavo e molte altre ispezierie. Lo re si è ricco di tesoro, ma non di genti. L’entrata del reame è si forte che2 a pena vi si puote entrare per far male; e qualunque navi capitassono a quella foce,3 s’ella prima non venisse alla terra, sí la pigliono e tolgono ogni cosa, e dicono: — Iddio ci ti mandò,4 perchè tu fossi nostra. — Nè non credono avere peccato; e cosí si fa per tutte le provincie dell’India. E, se alcuna nave vi capita per fortuna, si è presa e toltogli ogni cosa, [salvo che quelle che cápitano ad alcuna terra in [p. 230 modifica]prima]. E sappiate che le navi de’ Magi (Mangi) vi vengono d’istate, e quelle d’altre parti, e caricano5 in tre di o in quattro infino a otto dí, e vannosene il piú tosto che possono, perochè6 non hanno buon porto ove molto potessero istare, per le piagge che vi sono e per lo sabbione. Vero è che le navi de’ Magi7 non temono vento, per le buone áncora del legno che mettono, che a tutte fortune tengono bene lor navi. Egli hanno leoni e altre bestie assai, cacciagioni e uccellagioni assai.8 Partiamoci di qui, e dirovvi di Melibar.

  1. Berl. zerca mia trexento. * E àno loquela per sì. E nareremo de lor cose e costumi, che vui piú chiaro intendere, perchè nui se aprossimemo piú avanti ai luoghi demestezi.
  2. Berl. alguna zente non ne poria intrar...: e inperò el non teme alguno.
  3. Berl. se la non fosse nave che vegniseno li propriamente, la prendeno...
  4. Berl. azò che nui ve toiamo tuto quelo che vui avete...; — e cusì va in tute le parte dela provinzia de l’India.
  5. Berl. in quatro over oto zorni.
  6. Berl. lá non è porto, e la induxia sono molto pericolosa, perchè la sono spiaza de sabion.
  7. Berl. non dubita de andar a quele splaze como fano le altre.
  8. Berl. * Or abiamo dito de sto reame, e però...