Il milione (Laterza,1912)/Del Prologo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Del Prologo

../ ../I IncludiIntestazione 18 dicembre 2018 75% Da definire

Il milione (Laterza,1912) I
[p. 1 modifica]

[Mgb. Incomincia il libro di messer Marco Polo cittadino di Vinegia, nel quale tratta delle condizioni e provincie del mondo, lo quale vide e cercò nel tempo che visse in questo mondo, come racconterà per lo detto libro].

DEL PROLOGO

Sí come misier Nicolò e misier Mafio Polo, zitadini de Veniesia, andò imprimamente in Costantinopoli, e dapuò in Soldania, e possa là dove era Barca Acaam (Can), e molte altre cosse. (Fr. cap. i-iv).

Signori re, duchi, marchesi, conti, cavalieri, prinzipi e baroni, e tuta zente a cui dileta de saver le diverse zenerazion de zente e dei regnami del mondo, tolè questo libro e fatelo lezer, e qui troverete tute le grandisime meraveie e diversitate della grande Armenia, de Persia, Tartaria e de India e de molte altre provinzie. E questo libro ve conterá per ordine si come misier Marco Polo, nobile e savio zitadin de Veniesia, á rezitado, segondo che lui medemo vide con i suo ochi. Ben conta in questo libro molte cose ch’el non vide; ma ello le intese da savi omeni e degni de fede. E però meterá le cose vezude per vezuda, e le aldide per aldida, azò ch’el nostro libro sia drito e veraze e senza reprension niuna: ni non è nostra intenzion de scriver cossa che non sia verasia. E sapiate veramente che..., dapò ch’el nostro segnor Dio creò Adam nostro primo padre, ch’el non fo nesuno omo ni Cristian ni pagan ni altra zente del mondo che tanto vedesse e zercasse delle diverse parte del mondo e meraveie come á fato questo misier Marco Polo. E... el pareva a lui ch’el fosse gram mal... che cusí grande e stranie cosse e meraveie non fosseno dite e sapute dale giente... e non fosseno messe in perpetual memoria. A saver queste cose el stete in quelle parte del mondo ben ani vintisié. E, siando in [p. 2 modifica] carzere a Zenova, alora si fè scriver questo libro a miser Ristazo (Bern. Restazio, Berl. Reustregielo, Fr. Rustacians) da Pisa, lo qual era prixion con esso lui... E questo fo ano Domini mille duxento novanta oto. In quelo tempo che misier Balduino era imperador de Costantinopoli, che fo ano Domini mille duxento zinquanta, misier Nicuola Polo che fo pare de Marco, e misier Mafio Polo, fradelo de misier Nicolò, valenti e savi e avezuti, se partine da Veniesia, e andò con suo mercadanzie in la zitá de Costantinopoli; e li aveno consiglio de dover andar plui innanzi, e per sua utilitate e per sue mercadanzie; e comprarono molte zoie e intrò in nave in Costantinopoli, e andò in Soldania (Fr. Soldadia, Y. Soldaia). Quando li fono in Soldania, aparse a lor un tempo de andar plui avanti, e partisse de Soldania e mèsese in camino e cavalcono che i zonse ala zitá lá dove era Barca Can, che era segnior d’una parte de tartari, li quali abitava in la contra de Bolgara (Bulughan) (e de Sara). Questo segnor Barca Can [signor] onorá miser Nicolò e miser Mafio, (e) mostrò grande alegreza de soa venuta. Egli ghe donò tute le zoie che lor avevano siego, e Barca Can li rezevete volentiera e molto li piaque e fèghe donar altre cosse che valevano ben doatanto; le qual cosse egli le mandano a vender in quelle parte, (e) sono molto ben vendute. E quando egli sono stadi in la tera del Barca Can ben uno ano, sí comenzò una guera tra Barca Can e el signor de tartari de levante; e andò l’uno contra l’altro con tuta soa forza e combatè insieme; e gran dalmazio fo da l’uno lato e da l’altro, ma el ave ale fine la vitoria Alau. E per caxion de quella guera non se podeva andar per quella via; donde quelli do fratelli non podeva tornar dale parte del Barca, perchè ognuno iera morto o preso; ma avanti se podeva ben andar. E allora i do fratelli deliberò de andar avanti per la via de levante, per tornar possa per traverso in Costantinopoli, poichè non poteva tornar per la via donde ierano andadi; e partisse della tera de Barca € andò in una zitá verso levante che a nome Oucaca (Ucaca), ch’è ala fin del regname del segnor del ponente. E da Oucaca se partí, e pasáno el fiume che se chiama Tigri [uno di quatro fiumi del paradixo], e andò per uno deserto ch’è longo dixisete zornate; ni non trovò zitá nè castelli, ma trovò moltitudine grande de tartari che abitano alle canpagne con loro bestie. E quando i ave passato quel deserto i trovò una zità che a nome Bocara, molto nobele e grande. E la provinzia a nome altrosi Bocara; ed era [p. 3 modifica] re uno che aveva nome Banic (Barac), e la zitade è la maor che sia in tuta Persia. In questa contrá stete quelli do fratelli tre ani: in quel tempo (ghe vene) uno ambasciatore de Alau che era signior del levante, el qual era mandado... al Grande Can segnor de tuti i tartari. E questo valentomo vide questi do fradeli, e avene grande meraveglia, e veteli volentiera, perchè el non aveva mai visto alcuno latino; e parlò ai do fratelli e diseli: — Se vui me volè creder, vui podè acquistar grande richeze e grande onore: lo grande signor di tartari non vide mai niuno latino, e á grande voluntate de vederne. E, se vui volè vegnir con mi, e’ ve menerò salvi e seguri, e sí ve fazo zerti ch’el ve fará grande onor, e avere de tal venuta grande utilitá. —

Come miser Nicolò e misier Mafio andò con uno ambasiator al Gran Can e como egli fo visti vollentiera (Fr. cap. v).

Quando quelli do fratelli aveno inteso quelle parole, egli aveno suo conseglio e deliberono de andar con quel valentomo alla corte del Gran Can, e mesese in via con lui, e andò uno ano per griego e per tramontana innanzi che i gionzieseno alla tera: ove era el Gran Can, e trovò molte stranie e meraveiose cose per la via, le qual se conterano in questo libro, in altro luogo, destintamente. [p. 4 modifica]