Il milione (Laterza,1912)/XCIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XCIII. Come il presto Giovanni fece prendere lo re Redor (Dor)

../XCII ../XCIV IncludiIntestazione 19 dicembre 2018 75% Da definire

XCIII. Come il presto Giovanni fece prendere lo re Redor (Dor)
XCII XCIV
[p. 125 modifica]

xciii (CIX)

Come il presto Giovanni fece prendere lo re Redor (Dor).

E quando lo re intese ciò che costoro gli dissono buonamente,1 che non morì di dolore e disse: — Deh! figliuoli, non v’ho io onorati assai? perchè mi volete voi mettere nelle mani del nimico mio? — Quegli rispuosono che conveniva che così fosse. Allora lo menarono al preste Giovanni. Quando il preste Giovanni il vidde, ebbene grande allegrezza, e dissegli [p. 126 modifica]ch’egli fosse lo malvenuto: quegli non seppe che si dire. Allotta comandò ch’egli fosse messo a guardare bestie; e cosí fu. E questo gli fece fare2 per dispetto [tuttavia ben guardandolo]. E quando egli ebbe guardate le bestie bene due anni, egli sel fece venire dinanzi, e fecegli donare ricche vestimenta e fecegli onore assai: poscia gli disse: — Signore re, aguale ben puoti vedere che tu non se’ da guerreggiare con meco. — Rispuose lo re: — Sempre cognobbi3 che io non era poderoso da ciò fare. — Allotta disse il presto Giovanni: — 4Non ti voglio piú fare noia, se non ch’io ti farei piacere e onore. — Allotta fecegli donare molti begli arnesi e cavagli e compagnia assai, e lasciollo andare. E questi si tornò al suo reame; e da quell’ora innanzi fu suo amico e servidore. Or vi conterò d’un ’altra materia.

  1. Berl. ello ave gran ira, che poco mancò el non mori de gran doia.
  2. Berl. per despeto, per mostrar ch’el non podeva niente.
  3. Berl. ch’el non son signor al mondo che te possa far vera.
  4. Pad. Da poi che tu medeximo l’hai confesato, io non te domando altro; ma de qui innanzi te voglio far onor e servixio.