Il milione (Pagani, 1827)/Il Milione di Marco Polo, Testo della Crusca/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22. Dalli otto Reami di Persia

../21 ../23 IncludiIntestazione 25 gennaio 2017 25% Da definire

22. Dalli otto Reami di Persia
Il Milione di Marco Polo, Testo della Crusca - 21 Il Milione di Marco Polo, Testo della Crusca - 23

[p. 19 modifica]

22. delli otto reami di persia.

Jadys è una città di Persia molto bella e grande, e di grande e di molte mercatanzie. Quivi si lavora drappi d oro, e di seta, che si chiamano lassi (4) che si portano per molte contrade. Egli adorano Mal coinè ito. Quando l' uomo si parte di questa terra per andare innanzi, cavalcasi sette giornate tutto piano, e non v ha abitazione se non in tre luoghi, ose si possa albergare. Qui hae begli laschi, e begli piani per cavalcare. Quivi hae pernicie e cotornicie assai, quindi si cavalca a grande sollazzo. Quivi hae asine salvatiche1 molto belle. Da capo a queste sette giornate hae uno reame c' ha nome Crema (5).


Varianti

[p. 19 modifica](4) Jasiri (Cod. Pucc.) - (5) Creman o il Kerman (Cod. Ricc.).

  1. Asine salvatiche. L’asino salvatico che i Greci e i Latini chiamarono Onagro, che suona asino campestre, è l’asino che nella sua cuna primitiva, l’Oriente, gode dell’originaria libertà per la quale prospera, e si moltiplica. Parla Eliano d’un Onagro canuto e favoloso (Hist. anim. Lib. IV. c. 52.) Ed anche di quello di cui quì fa menzione il Polo (Lib. XVI. co.). Ne discorre Buffon all’articolo dell’asino. E’ animale non timido, nè lento come l’asino dei nostri climi, anzi rapidissimo al corso, talché non può aggiungerlo che il più veloce corridore. Gli acchiappano al laccio, e all’aguato. Di statura di poco differisce dall’asino domestico dei climi caldi. Vivono gli asini salvatici a mandre e uniti insieme vanno a bevere e a pascere. I Persiani sono ghiottissimi della carne di questo animale. Pietro della Valle vi de un Asino salvatico a Bassora ch’era “di forma come tutti gli altri asini ma di color più chiaro e dalla testa alla coda nel fil della schiena gli correva una riga di peli biondi, come d’un caval falbo carico di colore, e in correre e in saltare ei vedeva essere molto più leggero degli Asini domestici„ (Viag. T. III. pag. 382.).