Io fui iersera, Adrian, sì chiaretto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Pucci

XIV secolo I Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Io fui iersera, Adrian, sì chiaretto Intestazione 15 ottobre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Antonio Pucci


[p. 349 modifica]

     Io fui iersera, Adrïan, sì chiaretto,
Che in verità io non te ’l potrei dire:
Chè mi parea che volesse fuggire
4Con meco insieme la lettiera e ’l letto:
     Io abbracciai il piumaccio molto stretto
E dissi — Fratel mio, dove vuoi ire? —
In questo il sonno cominciò a venire,
8E tutta notte dormii con diletto:
     Perch’esser mi pareva alla taverna
Là dove Paol vende il vin trebbiano;
11Che per tal modo molti ne governa;

[p. 350 modifica]

     Ed avendo un bicchieri di quel sano
In su quell’ora che ’l dì si discerna,
14E voi venisti a torlomi di mano.