Io ho messo in galea senza biscotto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Boccaccio

XIV secolo Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Io ho messo in galea senza biscotto Intestazione 13 giugno 2020 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Giovanni Boccacci


[p. 322 modifica]

     Io ho messo in galea senza biscotto
L’ingrato vulgo, e senza alcun piloto
Lasciato l’ho in mare a lui non noto
4Benchè se ’n creda esser maestro e dotto:
     Onde il dì su spero veder di sotto
Del debol legno e di sanità vôto;
Nè avverrà, perch’ei sappia di nuoto,
8Che non rimanga lì doglioso e rotto.
     Et io, di parte eccelsa riguardando,
Ridendo in parte piglierò ristoro
11Del ricevuto scorno e dell’inganno;
     E tal fïata a lui rimproverando
L’avaro senno et il beffato alloro,
14Gli crescerò e la doglia e l’affanno.