Istoria delle guerre gottiche/Libro quarto/Capo XXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Capo XXVII

../Capo XXIX IncludiIntestazione 28 febbraio 2012 25%

Libro quarto - Capo XXVII Libro quarto - Capo XXIX


[p. 550 modifica]Usdrila capo dell'ariminese presidio provoca gl'imperiali a battaglia. — Contrasta il valicar del ponte a Narsete diretto coll'esercito a liberare quel forte. Reciso il Gotto nella pugna i Romani proedon oltre.

I. Narsete giunto in Ravenna coll'esercito ebbe a compagni Valeriano e Giustino maestri della milizia, con tutte le romane truppe ivi raccolte. Correva poi il nono giorno del suo ingresso allorché Usdrila di gottica schiatta, famosissimo nell'arte della guerra e comandante dell'ariminese presidio scrisse in questi termini a Valeriano: « Da cbe riempite ogni luogo di clamori abbagliando l'universa Italia coi fantasmi d' una gigantesca potenza, e v'inorgoglite assai più di quanto si vuole tenendovi lo spavento de' Gotti, perché indugiate là entro? Affe di Dio che sì operando v'appalesate gia caduti di quel vostro ceraggio ed imbelli guastatori con rosso barbaro stuolo di una regione che nullamente v'appartiene. Impugnate in cambio [p. 551 modifica]le anni, e presentatevi a queste mura onde non rimangan più a lungo sospese le nostre speranze, bramosissimi da gran pezza di vedervi ». Così la scritta, e Narsete, molto risosi della gottica anfania subito mosse con tutto l'esercito, fidando Ravenna ad an presidio sotto gli ordini di Giustino. In vicinanza ad Arimino scontransi ad un malagevol passo, tagliato avendo poco innanzi il nemico ambe le teste del ponte, di guisa che a grave disagio avrebbero potuto valicare un solo inerme pedone, e nen disturbato comunque nella sua impresa; rendevasi quindi ostacolo vie più insuperabile a schiere di tutto punto armate e da nemica forza combattute di fronte. Laonde l'imperial condottiero procedutovi con debole scorta aasai tempo fu sopra né sovvenendogli mezzo per trarsi da quell'impaccio.

II. Ecco intanto arrivare Usdrila con turma di cavalieri bramoso di conoscere l'operato da suoi. Tale de' Romani, allora, intassato l'arco, avventò una saetta, la quale profondamente piagando il corpo d'un barbaro tosto il fece cadavere. Poscia il Gotto ritrattosi di là tornò ad Arimini, e chiamati di subito alle armi altri dei più coraggiosi militi condusseli di carriera, spalancata una delle porte, contro a Narsete sperando sconfiggerlo con forte e repentino assalimento, sapendolo gia sull'opposto margine del fiume in traccia [p. 552 modifica]d'agevol guado per l'esercito. Ma volle propizio fato che alla venuta de' Gotti alcuni Eruli paratisi loro innanzi uccidessero lo stesso Usdrila, e riconoscioto da un Romano spiccarongli dall'imbusto il capo, che tornati all'esercito mostrarono a Narsete con giubilo universale, testimoniando l'accaduto essere il Nume avverso al nemico, il quale nel porre insidie all'imperial condottiero perduto avea il proprio senz'opera d'agguati o come tu vuoi premeditato colpo. Narsete, morto Usdrila, fece alto per tema non l'espugnazione di Arimini o di luogo comunque in mano dei barbari adducessegli indugi ed impedimenti, occupando suo tempo in minori imprese con iscapito di altre molto più rilevanti. La guernigione priva del capo si rinchiude nella città nulla curante che il nemico ristori a suo bell'agio il ponte del fiume, e conduca le truppe alla ripa di contro, dove questa levatasi dalla Via Flaminia volge a manca. Imperciocché Pietra Pertusa, nome del luogo negli antecedenti libri ricordato, munitissima di per sé stessa ed a pezza occupata dai barbari vietava del tutto agli imperiali di proseguirvi il cammino; laonde il romano condottiero antepose al vantaggio della brevità quello d'una sicurezza maggiore.