Jo soi stade a confessâmi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
J

Canti cantastoria Jo soi stade a confessâmi Intestazione 23 febbraio 2008 50% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Jo soi stade a confesâmi,
dal gno sòlit confesôr;
lui mi à dît ch’j mi maridi,
joih! Ce predi dal Signôr!

2Benedete chê contrade,
là ch’al pase il siôr plevàn;
benedete chê zornade
ch’al mi met la vere in màn!

3E’ ve’ voe di maridasi
e no savé con cui, con cui
cjaparin un gjat pe code
fasarin tui tui ven cà!


Traduzione

Sono stata a confessarmi
dal mio solito confessore;
lui mi ha detto di sposarmi,
oh!che prete del Signore!

2Benedetta quella contrada,
dove passa il signor parroco;
benedetta la giornata
in cui mi mette la fede in mano!

3Aver voglia di sposarsi
e non saper con chi, con chi!
prenderemo un gatto per la coda
e faremo: tui tui, vieni qua!