Juvenilia/Libro IV/A G. B. Niccolini

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Alla memoria di D.C.

../Maggio e Novembre IncludiIntestazione 2 gennaio 2012 100% Raccolte di poesie

Libro IV - Alla memoria di D.C. Libro IV - Maggio e Novembre
[p. 150 modifica]


LXVI.1

A G. B. NICCOLINI

quando pubblicò il Mario

sett. mdccclvii


Quando l’aspro fratel di Cinegira
Ne la sonante scena
Trasse vestita d’ardue forme l’ira
Che propugnò la libertade ellèna,
Marte, che lui spingea tra i dardi avversi
Su gl’incalzati Persi,
Spirò guerra; e fremean guerra, ascoltando,
8Quei che operaro in Salamina il brando.

E tu vedesti, o diva Atene, i padri
De’ guerrier trionfati
Nel futuro dolor pensosi ed adri
Gemer da’ figli deprecando i fati,
Neri presàgi ombrar con fóschi vanni
Le sale de’ tiranni,
E da la mira visïon percossa
16Svegliar ne 1’urne ombre di regi Atossa.

[p. 151 modifica]


Quinci il sepolto Dario a l’aure uscía
Da la livida sponda,
E nel pianto de’ servi il rege udía
La vittoria de’ liberi seconda;
Udia ne’ passi de la fuga volto
Il figlio imbelle e stolto,
E sonar alto da l’egea marina
24Il fragor de la persica ruina.

Deh, che fremito errò di petto in petto
Quando il cacciato Serse,
Gentil città d’Armodio, in tuo conspetto
Narrò gli ancisi prenci e le riverse
Caterve e rotti di sua forza i nervi,
E a gli ululanti servi
Mostrò campate a l’infinita clade
32Sol la faretra e sua regal viltade!

Tale a la prole achea gli ozi felici
Di canti Eschilo ornava,
Se l’Egeo, detestata onda a’ nemici,
Altier de’ vinti re lui rimandava.
Ma pria tra la falange ispida e vasta
Infurïò con l’asta;
E, come de l’Olimpo aquila o d’Ato
40Piomba tra ’l folgorar del cielo, armato

[p. 152 modifica]


Cotal su i mille e mille egli irrompea
Fuga spargendo e morte;
Fera coppia fraterna, al fianco avea
L’atroce Cinegira e Aminia il forte.
Né de le tibie flebili o del canto
Ozio si fece e vanto;
Ma, dal funereo sasso ei Maratone
48Ricorda, e tace le febee corone,

Fu pugna e sfida contro i fati ardita,
Fu clamor di trofei
D’Eschilo l’arte; e sgorga da la vita
E refluisce vita a’ petti achei.
Non dispetto infingardo o steril ira
Né solitudin dira
Cinge il vate; ma luce ampia ma polve
56E frequenza di popolo l’avvolve.

Te, vate nostro, a’ rei secoli dato
Quando vita n’è spenta,
Te premea reluttante il grave fato
Giú nel silenzio a l’aër putre e lenta.
Te, non furor di libera coorte
Che consacra a la morte
Con quel de’ regi il capo suo, né grido
64Di vittoria che introna il patrio lido,

[p. 153 modifica]


Ma lamentar di giovini cadenti
Su la terra pugnata
E tra i cavalli barbari accorrenti
Cupo fremir di libertà calcata,
Spirava. E in te nostr’ ultimo dolore
Alcun vendicatore
S’ebbe, e de gli oppressori al gener vario
72Procida minacciasti, Arnaldo e Mario.

Or d’onde, o sacro veglio, è in te possanza
Tal che di vivi sdegni
Armi antiche memorie e la speranza
A noi disfatte e mute anime insegni?
Dunque l’eterna mente ancora è pia
A questa patria mia,
Che pur tu duri in contro al fato ostile
80Cantor d’Italia a la stagion servile?

E quando piú da peregrino impero
L’alta regina è stretta,
Tu affatichi il senile estro e il pensiero
Dietro l’imago de la gran vendetta?
Ben venga Mario che del gener reo
Porta il roman trofeo
E nel cor de’ romulëi nepoti
88Aderge le speranze e infiamma i vóti!

[p. 154 modifica]


Ché, se il figliuol d’Euforïon traea
Melpomene pensosa
Ad inneggiar la libertade achea
Sedente su lo scudo e glorïosa,
Non è lode minor, s’io ben riguardo,
Or che l’uso codardo,
Fuor de la vita i sacri ingegni serra,
96Almen co ’l verso guerreggiar la guerra.

Or, poi ch’altro n’è tolto, or guerra indíca
Da’ teatri la musa;
Gitti il flauto dolente, e la lorica
Stringa, ed a l’aste dia la man già usa.
Quinci altera virtú ne’ nuovi petti
Bevano i giovinetti:
Qui la virile età l’ardir prepari,
104E che sia patria l’util plebe impari.

E a te, che in vecchie membra alma possente
I tardi ozi ne scuoti,
Qual serba premio, o buon, l’età presente?
Quale i figli crescenti ed i nepoti?
O petto di virtude albergo saldo,
O man che scrisse Arnaldo,
Chi a’ miei baci vi porge? una corona
112A questo bianco capo oh chi la dona?

[p. 155 modifica]


Ben io nel gaudio d’un futuro giorno,
Che il ciel mi disasconde,
Veggo popolo molto a un marmo intorno
Incoronarlo di civili fronde:
Quel giorno appo una tomba, italo vate,
Da l’alpi al fin serrate
A le verdi tornando etrusche valli,
120Scalpiteranno gl’itali cavalli.



Note

  1. [p. 285 modifica]Nelle prime sei stanze si accenna ai Persiani. d’Eschilo, e in fine della sesta all’epitafio che leggesi nell’antica vita del poeta: Questo monumento ricopre Eschilo d’Euforione ateniese, perito nella fertil di grano Gela. Del suo inclito valore ti dirà il sacro campo di Maratona e il denso-capigliato Medo che ’l sa per pruova.