L'anima bella, che dal vero Eliso

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cornelio Bentivoglio d'Aragona

L Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 29 giugno 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Cornelio Bentivoglio


[p. 58 modifica]

II


L’anima bella, che dal vero Eliso
     Al par dell’alba a visitarmi scende,
     Di così intensa luce adorna splende,
     Che appena io riconosco il primo viso.
5Pur con l’usato e placido sorriso
     Prima m’affida, indi per man mi prende,
     E parla al cor cui dolcemente accende
     Dell’immensa beltà del Paradiso,
In lei parte ne veggo; e già lo stesso
     10Io più non sono, e già parmi aver l’ale:
     E già le spiego per volarle appresso.
Ma sì ratta s’invola e al Ciel risale,
     Ch’io mi rimango, e dal mio peso oppresso
     Torno a piombar nel carcere mortale.