La Cicceide legittima/I/CCCXXIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

CCCXXIX ../CCCXXVIII ../CCCXXX IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - CCCXXVIII I - CCCXXX
[p. 166 modifica]

L’Autore protesta le sue obbligazioni a D. Ciccio.

cccxxix.

DE’ favor, che m’hai fatti, e che mi fai,
     D. Ciccio, ogni dì più con gli argomenti;
     Che somministri a’ miei componimenti,
     4Non ti potrò ricompensar giammai.
Perchè qualor di te scrissi, o cantai,
     Co’ miei per altro deboli talenti,
     Tanto, sol tua mercè, piacqui a le genti,
     8Che (se il dirlo convien) m’immortalai.
Ma benchè centomila obbligazioni,
     D. Ciccio, io te ne debba, e che tu meco
     11Abbi altrettanti crediti, e ragioni,
Pur men dovresti far l’assoluzioni,
     Mentre a pagare i debiti, c’ho teco,
     14Tutte votai le borse de’ C ....