La Cicceide legittima/I/CCXCVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

CCXCVI ../CCXCV ../CCXCVII IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - CCXCV I - CCXCVII
[p. 150 modifica]

La Tomba.
Al Sig. Conte Ronchi.

ccxcvi.

MOrì D.Ciccio, (quando mai s’udio,
     Conte, più lagrimevole sciagura,
     Mentre che ’l Mondo stesso, e la Natura
     4Si sconvolsero entrambi al caso rio!)
Morissi, e mentre a starsene con D....
     L'alma tornò sollecita, e sicura,
     Rinchiuso il corpo in questa Tomba oscura
     8Anch’ei, reso invisibile, spario.
E sarà dunque ver, ch’ei voglia, e possa
     (Ciò che nè pur negasi a’ can rabbiosi)
     11Privarne avaramente in fin dell’ossa?
Ma che stupor, che si nasconda, e posi
     Occultando se stesso in questa fossa,
     14S’è proprio de’ C.... lo star nascosi?