La Cicceide legittima/I/CCXLVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

CCXLVII ../CCXLVI ../CCXLVIII IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - CCXLVI I - CCXLVIII
[p. 125 modifica]

L’Autor richiesto a sollecitar una causa avanti D. Ciccio ammalato.
Ai Sig. Andreozzi.

ccxlvii.

SIgnor, fo quanto posso, acciò che restì
     Dal Giudice D. Ciccio infin, c’ha vita,
     O bene, o mal, la causa tua spedita
     4Con la celerità, che tu vorresti:
Gli dico, e torno a dir, che brameresti
     D’uscirne, e di vederla un dì finita ;
     Ma tra le confusion di glose, e testi
     8E’ sempre più la mente sua smarrita.
E tu, cui note son le confusioni
     Di quel cervel, maravigliar non dei
     11Di tante sue longhezze, e dilazioni.
Finché pende la causa in van lo sproni,
     Anzi ei penderà sempre in un con lei,
     14Perochè sempre pendono i C....