La Cicceide legittima/I/CCXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

CCXVIII ../CCXVII ../CCXIX IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - CCXVII I - CCXIX
[p. 111 modifica]

La recidiva di D. Ciccio nelle sue pretensioni.

ccxviii.

TOrnato al fin D. Ciccio a quel primiero
     Senso di vanità, ch’avea deposto
     Più che mai petulante a dir s’è posto,
     4Ch’ogni altro appo di lui non vale un zero.
Così pretende scioccamente altero
     A suoi Colleghi d’esser anteposto,
     E ch’a lui debban dare il primo posto,
     8Come il dieron gli Apostoli a San Piero.
In somma ei porta questa opinione,
     Che non si dia nell’ordine Rotale
     11Alcun da star con esso al paragone.
Or quanto mai s’udì pazzia cotale?
     Ch’un Testicol si metta in pretensione
     14D’esser creduto il membro principale?