La Cicceide legittima/I/CCXXXIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

CCXXXIII ../CCXXXII ../CCXXXIV IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - CCXXXII I - CCXXXIV
[p. 118 modifica]

D. Ciccio percosse con un pugno il Dott. Domenici, perchè nol chiamò Avvocato.

ccxxxiii.

REcandosi D. Ciccio a grand’ingiuria,
     Che dal Dottor Domenici negato
     Gli fosse là nella Romana Curia
     4Con suo disprezzo il titol d’Avvocato:
Senza considerar che per incuria
     Ei forse commettea questo peccato,
     Gli diede uno sgrugnon con tanta furia,
     8ch’un occhio gli lasciò mezzo ammaccato.
Ma quei, l’affronto in carità soffrendo,
     Disse: Per mia maggior riputazione
     11Teco non mi risento, e men t’offendo.
Perchè s’anch’io ti dassi uno sgrugnone,
     Potrebbe poi la gente andar dicendo,
     14Che ’l Domenici ha dato nel C....