La Cicceide legittima/I/LXII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

LXII ../LXI ../LXIII IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - LXI I - LXIII
[p. 32 modifica]

L’Autore implore il perdon da D. Ciccio.

lxii.

D' Ogni mio Madrigal, d’ogni Sonetto,
  Che sin ad ora per C ...arti ho fatto,
     Io ti chieggo perdono, e me ne batto
     4A palme chiuse amaramente il petto.
Poiché stamane il Confessor m’ha detto,
     Ch’io son per tal cagion perduto affatto,
     E come d’un gravissimo misfatto
     8Me n’ha di buon proposito corretto.
Anzi con faccia di rigor ripiena
     Anche il sol nominarti ei m’ha vietato,
     11Col farmi reo d’inevitabil pena.
E la ragion m’ha subito appagato,
     Perch’essendo C... parola oscena.
     14Non si può proferir senza peccato.