La Cicceide legittima/I/LXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

LXVI ../LXV ../LXVII IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - LXV I - LXVII
[p. 34 modifica]

Rinovazione del buon Capo d’Anno a D. Ciccio per l’ingresso del 1683

lxvi.

SE nell’Anno cadente ottantadoi
     Hai goduto quel ben, che t’augurai,
     Men congratulo teco, e più che mai
     4Dal Ciel tel prego, e da’ Pianeti suoi.
Guidi lunge da te Saturno i Buoi,
     Che tranno il Carro suo carco di guai.
     Nè la spada malefica già mai
     8Sfoderi Marte iracondo a danni tuoi.
Giove t’arrida, e Venere con lui,
     Nè il Sol, Cintia, o Mercurio influssi rei
     11Sparga mai sovra te da’ Cerchi sui.
In somma ogn’un di lor t’esalti, e bei,
     E ti conservi, per diletto altrui,
     14Eternamente quel C ... che sei.