La Cicceide legittima/I/LXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

LXVII ../LXVI ../LXVIII IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - LXVI I - LXVIII
[p. 34 modifica]

L’inciampo.

lxvii.

D. Ciccio, in gir la notte antecedente
     Senza lume a trovar la Favorita,
     In certa roba urtò sporca, e fetente,
     4Ch’era per pria da più d’un culo uscita:
Or quanto egli col piè la pestilente
     Puzza, e poscia col naso ebbe sentita,
     Maledisse il pestifero accidente,
     8E bestemmiò la sua notturna uscita;
Ma s’ogni eredità de l’Instituta
     Là, dove parla de le successioni,
     11A più prossimi sempre è conceduta,
In virtù di cotai disposizioni,
     A lui sol quella roba era dovuta.
     14Che i più prossimi al cul son i C...