La Cicceide legittima/I/LXXXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

LXXXIV ../LXXXIII ../LXXXV IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - LXXXIII I - LXXXV
[p. 43 modifica]

D. Ciccio ammesso nella Corte d’Astrea.

lxxxiv.

POrtando in man certo suo Voto impresso
     D. Ciccio, andò per essere introdotto
     Nella regia d’Astrea con gl’altri anch’esso
     4Tamquam Juris perito esimio, e dotto;
Ma perchè si sentì più d’un rimbrotto
     Fra i primi del giuridico congresso,
     E’l portinajo stesso in quel ridotto
     8Con un baston gli contendea l’ingresso,
Sorta la Dea dalla real sua Sede
     Così lor favellò = Non sia conteso
     11Il passaggio a costui, che’l merta, e ’l chiede:
Poi ch’egli almen vi servirà nel peso
     Delle ragioni altrui; già che si vede.
     14Ch’ha la fisonomia d’un contrapeso.