La Cicceide legittima/I/XXXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

XXXVII ../XXXVI ../XXXVIII IncludiIntestazione 3 agosto 2012 100% da definire

I - XXXVI I - XXXVIII
[p. 19 modifica]

L’infermità di D. Ciccio.

xxxvii.

Jeri ammalò D. Ciccio, e di sua vita
 Fè concepir non piccolo timore;
     Poichè gli aveva un improviso enfiore
     4Ogni parte del corpo intumidita.
Ma quando la famiglia sbigottita
     Credendol pervenuto all’ultime ore,
     Avea fatto chiamare il Confessore,
     8Che ’l confortasse all’ultima partita.
Ecco arrivare il Medico Barretta,
     Stimato quì per l’ottimo tra’ buoni,
     11Che gli stese così la sua ricetta.
Senz’altri alessifarmaci, od unzioni,
     Recipe un buon impiastro di favetta,
     14Ch’è l’unico rimedio pe’ C....