La Cicceide legittima/II/LXV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

LXV ../LXIV ../LXVI IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

II - LXIV II - LXVI
[p. 211 modifica]

A D. Ciccio nel medesimo Soggetto.
Alludendosi alla sua frequente indisposizione di Morici.

lxv.

DUnque per tanto poco
     V’è montato capriccio,
     Caro Signor D. Ciccio,
     4Di mandar ogni cosa a ferro, e foco?
     Sebben dall’altro canto,
     Se 'l vostro genio è tanto
     Pronto a far sangue, in ver n’avete appresso
     8Efficace il motivo,
     E l’esempio impulsivo
     Dal vostro Culo istesso.
     Dal vostro Cul, che spesso
     12Inviperito, e gonfio a par d'un angue
     Per ogni poca cosa anch’ei fa sangue.