La Cicceide legittima/II/XXII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

XXII ../XXI ../XXIII IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

II - XXI II - XXIII
[p. 180 modifica]

Al Sig. Medico Francesco Redi Autore del Trattato del Pellicello.

xxii.

NOi poniamo ambidue, Redi, ogni cura
     Per dare al nome nostro eterna vita,
     E perchè in sen d’oblivione oscura
     4Non mai la nostra fama erri smarrita.
Io scrivo di D. Ciccio, e colorita
     Spiego ne' fogli miei la sua figura;
     Tu fai del Pellicel mostra erudita,
     8Spiegandone l’essenza, e la struttura;
Ma, oh quanto il nostro far, Redi, è diverso!
     Il mio stil secco, e scabro, il tuo facondo;
     11L’un rustican, l’altro ingegnoso, e terso:
Mostriam, tu con la prosa, ed io col verso
     Tu l’animai più piccolo del Mondo,
     14Io ’l più grande animal de l'Universo.