La Cicceide legittima/II/XXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

XXVI ../XXV ../XXVII IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

II - XXV II - XXVII
[p. 182 modifica]

A D. Ciccio nel finir dell'Anno.

xxvi.

D. Ciccio, il tempo vola, eccoti omai
     Giunto al principio de l’ottantasei;
     E questo ancor trapasserà, che mai
     4L’empio non da riposo a’ vani rei.
Così non sol Teatri, e Colossei
     Va divorando ogn’or, come tu sai;
     Ma gli stessi Anni Santi, e Giubbilei,
     8Senza potersi saziar già mai;
Così meschia, e confonde il prima, e ’l poi;
     Così atterra del par co’ dardi sui
     11La più vil Plebe, e i più sublimi Eroi;
Pur noi vivremo ad onta di costui
     Eternamente; Io negli scherni tuoi,
     14E tu, Babbion, nelle risate altrui.