La mandragola/Atto secondo/Scena quinta

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto secondo
Scena quinta

../Scena quarta ../Scena sesta IncludiIntestazione 26 maggio 2008 75% Teatro

Atto secondo - Scena quarta Atto secondo - Scena sesta


[p. 168 modifica]

SCENA QUINTA.


M. NICIA, E SIRO.


Nicia
Io ho fatto d’ogni cosa a tuo modo: di questo vo’ io che tu facci a mio. S’io credevo non avere figliuli, io arei preso più tosto per moglie una contadina. Che se’ costì, Siro? Viemmi drieto. Quanta fatica ho io durata a fare che questa monna sciocca mi dia questo segno! E non è dire che la non abbi caro fare figliuoli, chè la ne ha più pensiero di me; ma, come io le vo’ far fare nulla, egli è una storia!
Siro
Abbiate pazienzia: le donne si sogliono con le buone parole condurre dove altri vuole.
Nicia
Che buone parole! chè mi ha fracido. Va ratto, di’ al maestro ed a Ligurio che io son qui.
Siro
Eccogli che vengon fuori.