La ritirata della Marina

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XX secolo

canti cantastoria La ritirata della Marina Intestazione 11 settembre 2008 75% canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Ragazzi dai solini blu bellissimi,
tornate al mar.
 
Ragazzi dai solini blu,
le nostre navi aspettano là.
Ragazzi dai solini blu,
i «franchi» a bordo, orsù!

Ritorna, o marinar
su la tua nave in mar;
tutte le trombe squillano,
tutte le luci brillano,
su bello, o marinar,
affrettati sul mar,
cent'occhi ti sorridono,
ti vogliono salutar.

Ma tu torni al mar,
evviva, evviva, evviva, o Marinar!

Marinaro, ben ti allena
la fulgida tua nave,
è come una sirena,
nel suo seno batte un cuore
e tutto pel suo amore
tu devi ripudiar.
 
Marinar, la ritirata appella
e nella notte bella
tu segni la tua stella.
Marinar cogli occhi azzurri e neri,
coi palpiti sinceri
conquista ogni bel cuor.
O marinar biondo o bruno e disinvolto ognor
il mar rispecchi
nel tuo solino blu.
Tutte le trombe squillano,
tutte le luci brillano,
cent'occhiti sorridono,
ti voglion salutar.

La nostra fede è nel tuo mar
che ti circonda, o marinar!
Tu sei la viva fiamma
che irradia il tricolor…
Lungi da la casa
che hai nel cor
vegli per l'Italia
e pel suo onor…

Tutta la tua vita
è un grande amor
pel tricolor!