La sirene

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L

Canti cantastoria La sirene Intestazione 23 febbraio 2008 50% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Quant che sune la sirene
duc'e s'cjampin fûr dal jêt:
eco il Domo c'al sdrondene
e po al torne dut cujet.

2L'areoplano si avicine
il cis'cjel jentre in azion;
cui che treme và in cantine
fin chè sbàrin cul canòn.

3Ve' il todesc che si slontane
quant che il nestri 'i côr daûr;
torne a sbati la campane:
citadin, tu sês sigûr!

4Todescàt và in malore,
và a remengo, a tombolon,
di vignî cussì a buinore
a sveânus cul canòn!


Traduzione

Quando suona la sirena
tutti scappano fuori dal letto;
ecco il Duomo che scampanotta
poi tutto torna tranquillo.

2L'aereoplano entra si avvicina
il Castello entra in azione;
chi trema và in cantina
finchè sparano col cannone.

3Guarda il tedesco che si allontana
quando il nostro lo ricorre;
torna a suonare la campana:
cittadino te la sei cavata!

4Tedescaccio và in malora,
và a "remengo", a rotoloni,
capitare così di buon'ora
a svegliarci col cannone!