Lasso, che ’l tempo l’ora e le campane

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Pucci

XIV secolo L Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Lasso, che ’l tempo l’ora e le campane Intestazione 14 ottobre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Antonio Pucci


[p. 348 modifica]

     Lasso, che ’l tempo l’ora e le campane
Che ogn’or col suon mi danno nella mente
Mi fanno rimembrar quanto sovente
4A morte vanno le potenze umane.
     E penso, lasso!, sera notte e mane
Come si fugge ogni tempo presente,
E veggo che per certo egli è niente
8Ciò che desïan nostre menti vane.
     Corre per forza come pinto strale
Dal nascer questa vita a dar nel segno
11Di quella, che nïun centra lei vale.
     Dunque che fa nostro misero ingegno?
Vanitas vanitatum monta e sale,
14L’alma è sommersa, e ’l corpo è fatto indegno.