Laude/Incipit Tractatus

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Incipit Tractatus Pàreme che ll'omo sia creato

../77 PROLOGUS ../79 IncludiIntestazione 09 giugno 2012 75% poesie

Jacopone da Todi - Laude (XIII secolo)
Incipit Tractatus Pàreme che ll'omo sia creato
77 PROLOGUS 79

[Incipit TRACTATUS]

Pàreme che ll'omo sia creato
a l'emmagen de Deo e 'n simiglianza;
lo paradiso pareme ordenato
de novi ordene d'àgnel' 'n ordenanza:
en tre ierarchie è el loro stato
de quella beatissima adunanza.
Or facciamo che ll'omo sia 'n estato,
che trove en sé quella concordanza
(e pareme de averelo trovato,
se eo non fallo ne la mea cuitanza).10

Tre ierarchie à l'omo perfetto:
la prima si è bene encomenzare;
lo secondo stato plu eletto,
ch'en megliorar fa l'om perseverare;
ottimo lo terzo sopreletto,
l'omo che consuma en ben finare.
Non se nne trovò ancor chivel decetto,
chi con queste tre vòlse albergare.
Molto me ne trovo en gran defetto,
ch'eo a lo primo ancor non vòlsi entrare.20

acute;iome veduto en me' pensato
che ll'om perfetto a l'arbor se figura,
che quanto plu profundo è radecato
tanto è plu forte ad onne ria fortura.
De vil corteccia veiolo amantato
(conservace l'omore en la natura);
de rame, foglie e frutto è addornato,
lavora d'onne tempo senza mora;
da poi che lo frutto àcce apicciato,
conservalo e 'l notrica e po' 'l matura.30

La fossa, do' quest'arbore se planta,
pareme la profunda vilitate;
cà, se la radecina loco achianta,
engrossace a ttrar l'umiditate
e fa l'arbore crescere et ennalta,
non teme fredo e nulla seccetate.
Estannoce l'ocelli, loco canta,
esbèrnace con grande suavetate,
nascondoce lo nido e sì ll'amanta
che non se veia a so contrarietate.40

Lo ceppo, ch'en la radice divide,
pareme la fede che è formata;
e radice dudice ce vide,
l'articuli c'ò 'n essa congregata.
Se ensemor no li tene, la conquide;
deguasta l'arbor tutta conquassata.
S'ensemora l'abracci, sì te ride,
allitat'ennela bona contrata
e càmpate dal loco, o' se allide
quilli che la tengo viziata.50

Lo stipete, ch'enn alto sì tte pone,
pareme l'altissema speranza;
devide della terra tua masone,
condùcelate en cel la vicinanza!
Se lloco ci ademur' a onne stasone,
gaudio ce trovarai en abundanza;
cerchi la cittate per regione,
càntasece lo canto d'alegranza;
pàrete lo mondo una presone,
vidilo pleno de granne fallanza.60

Là 've li rami ànno nascemento
pareme che sia la caritate.
La prima ierarchia è 'l comenzamento,
che tre rami ce trovi enn unitate;
desténguese per bello ordenamento,
ciascheun à en sua propietate;
granne ce trovi en lor comenzamento,
pensanno ne la loro varietate;
l'uno senza l'altro è esviamento
e non verrì' a complita veretate.70

Lo primo ramo, en questo encomenzare,
(lo qual al primo orden se figura)
Angeli sì l'odimo nomenare,
sì como n'ama[i]estra la Scriptura.
Angelo se vòle enterpretare
'messo nobelissimo en natura';
lo messo, che ne l'alma pòi trovare,
pàgome li penser' senza fallura
(lo Spirto santo àli ad espirare,
ché null'om lo pò aver per sua fattura).80

Poi che èi stato assai ne lo pensieri,
che de lo star cun Deo ài costumanza,
lo Entelletto mittete a vedere
li ben' c'ài receputi enn abundanza
e chi si tu per cui vòlse morire
che rotta li ài la fede e la leianza,
e che isso Signor vòlse soffrire
da me[ne] peccator tant'offensanza.
De vergogna vogliome vestire,
non trovo loco de far satisfanza!90

De lo pensieri nasce un desiderio
(che llo secondo ramo pòi appellare);
Arcangeli figura, com'eo creio,
che 'summi missi' pot'enterpretare.
De plagner ià non trovo unqua remeio,
ìnflamese lo core a ssuspirare:
"Et ov'è meo Signor, ch'eo no lo veio?
Derrata so' ch'el volse comparare.
Respondime, Signor, c'altro non cheio;
desidero morire per te amare!".100

L'alezione dàme una ensegna,
ca, s'eo voglio trovar lo meo Signore,
ad opera complita op'è ch'eo vegna,
s'e' vo[i'] che viva e cresca en me 'l suo amore.
Lo terzo ramo mustrame et assegna
nome de Vertute pro ductore.
Chi questo ramo prende, bene attegna,
(abèrgalo co l'alto Emperadore)
e de viver c'e[m]prenda una convegna,
che sempre va crescenno per fervore.110

La seconda ierarchia, co' a me pare,
che en tre destenzione è ordenata,
che ne la prima non pòi demorare,
se con questa non fai tua iornata;
co l'empedementi òpo t'è pugnare,
se vòl' che vada en pace la contrata!
Li cinqui sensi òpo t'è domare,
che la morte a lo core ò ministrata.
Domenazione se pò[te] appellare
questa signoria cusì beata.120

Lo secondo ramo è Prencepato,
ennelle creature ordenamento,
che ciò cche vide et ode e avì' pensato
ciascheuna arec'a suo consolamento,
laudanno lo Signor che l'à creato
per sua pietate e placemento;
ciascheuna en sé conserva lo so stato
(reprènno te c'ài fatto fallemento).
Consèrvate lo core enn uno stato,
che sempre de Deo trove pascemento.130

Le Vizia, che stanno a la 'nnascosta,
ciascheuno se briga de adiutare;
de non lassar l'albergo fanno rosta,
ciascheuno se briga d'esforzare.
L'ordene de Podestate se cci acosta,
tutte vertute face congregare;
la bataglia dura sì s'è mosta,
l'una contra l'altra a preliare.
Le Vizia se fuggo questa iosta,
lassan lo campo e brigan de mucciare.140

L'Umilitate la Superbia vide,
d'un alto monte sì l'à tralipata;
la 'Nvidia, che vedenno, ce s'allide,
la Caritate l'arde e àl'abrusciata;
Ira, che consentendo, ce s'occide,
la Mansuetude sì l'à strangulata;
l'Accidia, che unqua mai non ride,
Iustizia sì ll'à troppo ben frustata;
Avarizia, c'à morta sua rede,
la Pietate sì lla descortecata.150

Lussuria se sta molto adornata
e pensa per bellezza de campare;
ma la Castetate l'à accorata,
molto dura morte li fa fare;
et enn uno pilo sì ll'à sotterrata
e loco a vermi fàla devorare.
La Gola se nn'è molto empagurata,
descrezione vòlsese amantare;
ma la Temperanza l'à pigliata,
tella en presone e fàlace enfrenare.160

Poi che le Vertute ànno venciuto,
òrdenance d'aver la signoria.
Lo terzo stato claman per adiuto,
che, senza lui, prenno [la] mala via;
cercanno êlla Scriptura, ci ò envenuto
o' lo Signor arepusar desìa;
Concordia sì ci ànno conceputo
ch'en trono de lo 'mperio sega dia;
e per elezion l'ànno eleiuto,
che rega e tenga tutta la bailìa.170

Le Vertute fanno petezione
a la Signoria que degan fare;
ché ciascheuna vòl la sua rasone
et estatuto ce voglio ordenare.
De la Concordia trovo la masone
(là 've ella con lor deia pusare)
e Descordia metto[la] en presone,
che onne bene facìa deguastare;
e d'onne tempo voglion[e] rasone
e nullo feriato voglio fare.180

Concordia non pò bene regnare,
se de sapere non n'à condemento.
Secondo ramo sì cce fo clamare,
che del sapere è ll'ama[i]estramento;
Cherubini se cce voglio abracciare,
contemplanno el Signor per vedemento;
et en sua scola voglio demorare,
che da Lui recevan lo convento.
Lo 'Ntelletto vòlsece apicciare,
che de legere à forte entennemento;190

ché, quanto plu el sapere va crescenno,
tanto plu trova en Deo la esmesuranza
(lo 'ntennemento vàsen devencenno,
anegalo êl profundo per usanza).
L'ordene serafico apparenno,
en lo 'nfocato viver per amanza,
questo defetto vàsence adimplenno,
abraccianno el Signor per desidranza;
e cusì sempremai lo va tenendo
(e 'n ciò la caritate à consumanza).200

Or ne 'l pregimo lo Signor potente
che, per sua bonitate e cortesia,
isso derizzi sì la nostra mente,
che sempre tenga 'n la deritta via,
sì ch'en futuro nui non siam perdente
d'aver en celo la sua compagnia;
ché molto se porrà tener dolente
chi ne l'onferno fact'à albergarìa,
ché sempre vivarà en foco arzente:
campine nui la Vergine Maria!210