Le Eumenidi/Secondo episodio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Secondo episodio

../Primo episodio ../Seconda parte IncludiIntestazione 25 ottobre 2019 100% Da definire

Eschilo - Le Eumenidi (458 a.C.)
Traduzione dal greco di Ettore Romagnoli (1921)
Secondo episodio
Primo episodio Seconda parte

[p. 216 modifica]

Tragedie (Eschilo) II p044.jpg

SECONDO EPISODIO


Improvvisamente appare


APOLLO


Via di qui, ve l’impongo, uscite súbito,
abbandonate questo antro fatidico,
sí che la scintillante alata serpe
non si lanci su te dall’aurea corda,
e tu non debba, per l’algor, dai visceri
negra spuma cacciar, vomendo i grumi
che sorbisti, di strage. A queste case
tu non devi il tuo pie’ volger; ma dove
si mozzan capi e forano pupille
con giudizî cruenti, ove dei pargoli
si offende il boccio e si distrugge il seme,
dove si muor sotto le pietre, o gente
supina, ai pali infissa, ulula e mugola.
E perché, l’intendete?, a voi dilette
son tali feste, i Numi v’abborriscono.

[p. 217 modifica]

E all’esser vostro ben la forma addicesi.
D’un lion sanguinario a voi conviene
cercare l’antro; e gli opulenti oracoli
non insozzar con la lordura vostra.
Su via, senza pastore uscite a branco:
ché niun dei Numi amico è di tal gregge!

CORIFEA


Ascoltami a tua volta, o sire Apollo.
Complice tu non sei di tal delitto:
solo tu lo compiesti, e n’hai la colpa.

APOLLO


Come? Piú a lungo questo punto spiegami!

CORIFEA


L’uom tu spingesti a uccidere sua madre.

APOLLO


Il padre a vendicar l’indussi! Ebbene?

CORIFEA


Del nuovo scempio poi t’offristi a tergerlo.

APOLLO


E l’indussi a scampare entro il mio tempio.

[p. 218 modifica]

E noi che l’inseguiam perché vituperi?...

APOLLO


In questa casa entrar non v’è concesso.

CORIFEA


Pure è questo per noi prefisso debito.

APOLLO


Quale? Di’ questo tuo gran privilegio!

CORIFEA


Via dalle case i matricidi spingere.

APOLLO


Pur se la madre il suo consorte uccise?...

CORIFEA


Non si macchiò di consanguinea strage.

APOLLO


Priva è d’onore, è nulla già la fede
di Giove e d’Era pronuba! Bandita
va per i detti tuoi, spregiata Cipride,

[p. 219 modifica]

onde hanno ogni maggior dolcezza gli uomini:
ché il sacro letto cui Giustizia vigila,
per la donna, per l’uom, val piú che giuro.
Ora, se tanto indulgi a chi die’ morte
al suo consorte, che tu non lo vendichi,
che all’ira tua non la fai segno, io dico
che non a dritto Oreste ora perseguiti.
Ché tu per uno scempio assai t’adiri,
per l’altro sei palesemente mite.
Ma ciò ch’è giusto, vedrà bene Pallade!

CORIFEA


Mai non sarà che di cacciarlo io resti!

APOLLO


Caccialo! Aggiungi travaglio a travaglio.

CORIFEA


Non scemar, coi tuoi detti, il mio diritto!

APOLLO


Godere i tuoi diritti, io non vorrei!

CORIFEA


Grande sei tu, tu presso a Giove siedi.
Ma la materna strage grida, e insegue
come un cane, quest’uomo, a la vendetta.

[p. 220 modifica]

APOLLO


Ed io proteggo, io farò salvo il supplice!
Su l’uom, sul Nume che tradisce un supplice,
né v’è costretto, incombe alta vendetta.

Apollo da una parte, le Furie dall’altra,
lasciano la scena

Tragedie di Eschilo (Romagnoli) II-62.png