Le donne de casa soa/Atto V

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto V

../Atto IV ../Nota storica IncludiIntestazione 14 maggio 2020 100% Da definire

Atto IV Nota storica
[p. 505 modifica]

ATTO QUINTO.

SCENA PRIMA.

Altra camera in casa di Angiola.

Anzola ed Isidoro.

Anzola. Bravo, bravo dasseno; l’ha fatto molto presto.

Vardè che bell’anello! (Oh, el xe un omo de sesto).
(da sè)
Isidoro. Checchina dove star?
Anzola.  La chiamerò. La diga,
Sior Isidoro caro, ghe piasela l’amiga?
Isidoro. Star bella; ma de bella tanto mi no importar.
So bontà, so modestia squasi... me innamorar.
Anzola. Ma però ghe xe el squasi. Che voi dir, el so cuor
Nol xe miga capace de concepir amor.
Isidoro. No star bestia; star omo.

[p. 506 modifica]

Anzola.  Vol dir, che facilmente

El sentirà anca elo quello che i altri sente.
Isidoro. Sentir in petto uman quel che poder natura,
Ma donna in vita mia sempre mi far paura;
E po donna italiana far paura de più,
Aver spirito troppo, voler comandar nu.
Anzola. (Oh la sarave bella, che in vece del nevodo
Ghe la dessimo al barba! Me vôi provar sul sodo). (da sè)
Dirò, sior Isidoro, no digo che le donne
D’Italia, de Venezia, che le sia tutte bone.
Se sa che gh’è per tutto el dretto e el so roverso:
No bisogna le cosse giudicar per traverso.
Crédelo che in Levante, crédelo che a Corfù
Le donne, co le pol, le sia manco de nu?
Se le sta più soggette, no le lo fa de cuor;
Ma i omeni e l’usanza le fa star con timor.
Voggio mo dir, che là anca le nostre done,
Che qua coi so marii le vol far da parone,
Tenude in suggizion drento dei so confini,
La saria quacchie quacchie1 co è tanti polesini 2:
Spezialmente una putta zovene, co fa questa,
Che no ha fatto l’amor, che no gh’ha grilli in testa,
Che no sa cossa sia le cosse de sto mondo.
Che no gh’ha gran parole, ma che la gh’ha bon fondo,
E che xe sta tegnua dal praticar lontana,
Per i vostri paesi la sarave una mana.
Poderessi arlevarla come che volè vu,
Poderessi insegnarghe quel che ve piase più;
E far della so pasta quel che se fa del pan,
Domarla a vostro gusto, domarvela pian pian:
E tanto più se in dota no la ve porta gnente,
La ve sarà più umile, più bassa e riverente;
Perchè co le ha portà, le donne le pretende,

[p. 507 modifica]

E se le porta dodese, quattordese se spende.

Mi no so cossa dir, qua no ghe xe risposta:
Me par che mia cugnada per vu sia fatta a posta.
Mi no ve la offerisso, no ve digo tolèla,
No ghe manca partii, la xe zovene e bela;
Ma proprio a mi me par, a dirla tra de nu,
Che vu fussi per ela, e anca ela per vu.
Isidoro. Tante cosse mi dir, che me confonder testa.
Anzola. De tutto quel che ho dito, la conclusion xe questa:
La torressi Checchina?
Isidoro.  Voler, e no voler.
Aver nevoda zovena, che maridar dover.
Anzola. Cossa gh’intra el nevodo col barba in sta tal cossa?
Ve fa spezie el nevodo? L’avè ben dita grossa!
E sto vostro nevodo finalmente coss’èlo?
Un che xe ancora in piazza, se pol dir, un puttelo.
Che xe sta fin adesso dal pare coccolà3,
Che no se pol saver come che el butterà.
E se el ve butta mal, e se nol gh’ha giudizio,
Vorressi che el mandasse la casa in precepizio?
Col fusse maridà, el sarave paron;
Faria, se fussi in vu, st’altra risoluzion:
Mi me marideria; perchè po un putto solo,
Se el mor, cossa ve resta? L’è un certo cosso molo4,
Che no me par che gh’abbia bona fisonomia,
Onde per tutti i titoli mi me marideria;
E torave una putta da far a modo mio,
E vorave sposarla, e menarmela drio;
E vorave con ella far quel che se convien:
Che certo el xe un gran gusto, quando che se vol ben.
Isidoro. (Si va torcendo e stirando i baffi, mostrando di essere in dubbio.)
Anzola. Via, voleu che la chiama?
Isidoro.  Avanti de chiamar,

[p. 508 modifica]

Aspettar; no far pressa, che mi voler pensar.

Anzola. Sì ben, penseghe pur anca una settimana.
(No vorria che Tonin... Ghe xe Betta, e Bastiana...)
Ma xe meggio che vaga; perchè po no vorria...
Se el xe ancora de là, voggio farlo andar via.
Cossa diralo mai? Che el diga quel che el vol;
Mi fazzo el mio interesse, so danno se ghe diol.
E Checchina? Checchina la gh’averà pazienza.
Bisogna che la tasa). (da sè) Con so bona licenza.
(aJ Isidoro)
Isidoro. No, non andar gnancora.
Anzola.  Cossa voler da mi?
Isidoro. Pensar...
Anzola.  Voler Checchina?
Isidoro.  Squasi pensar de sì.
Anzola. Presto donca; podemo sbrigarla, se volè.
E xe qua anca sior Gasparo; parlemoghe, aspettè.
Isidoro. Ma non aver mi dito... mi no ressolver presto.
Anzola. No aveu dito de sì? Vardè là che bel sesto,
No se minga un puttelo. Vegnì qua mo, mario,
Anca vu, sior compare. Via, no ve tirè indrio.

SCENA II.

Gasparo, Benetto e detti.

Gasparo. Oh patroni!

Benetto.  Patron.
Isidoro.  Saludo.
Anzola.  Vegnì qua. (a Gasparo)
(Saveu chi xe sto sior? El xe vostro cugnà).
(piano a Gasparo)
Gasparo. (Mio cugnà? No so gnente). (a Anzola)
Anzola.  (Vostro cugnà, sior sì.
Eh, caro sior alocco, se no ghe fusse mi!)
(piano a Gasparo)
Gasparo. (La solita lizion).

[p. 509 modifica]

Anzola.  Sentì mo, sior compare.

(Ho maridà Checchina). (a Benetto)
Benetto.  (Brava, siora comare.)
Con chi?) (piano a Anzola)
Anzola. (Con quel mercante; ma ho combattù un bel pezzo).
Benetto. (Cossa ghe deu de dota?)
Anzola.  (De dota? gnanca un bezzo).
Benetto. (E de quel altro putto, dei bezzi che savè?)
Anzola. (De quello no se parla; i bezzi i gh’averè).
Benetto. Me rallegro, sior Gasparo.
Gasparo.  De cossa?
Benetto.  S’intendemo.
Gasparo. Cossa voleu che sappia un alocco?
Anzola.  Tasemo. (a Gasparo)
E cussì cossa disela, sior Isidoro; avemio
Da parlar co sior Gasparo? A lu ghe lo disemio?
El xe el paron de casa, de Checca el xe fradello.
No se pol stabilir senza dirghelo a ello.
Isidoro. Cossa voler mi diga?
Anzola.  Quel che ave dito a mi.
Isidoro. Mi no poder dir no; mi no saver dir sì.
Gasparo. Donca no l’è contento. (a Anzola)
Anzola.  Eh, sì ben, caro vu.
Sior Isidoro, andemo, che la vegna con nu.
Isidoro. Dove?
Anzola.  Gh’alo paura che el menemo a negar?
(Andemo da Checchina, che me vôi destrigar).
(piano a Gasparo)
Gasparo. (Vardè pò, che no avessimo da far qualche marron).
(piano a Anzola)
Anzola. (Col la vede, l’è fatta. Eh andemo, sior minchion).
(piano a Gasparo)
Gasparo. (No bisogna che parla).
Anzola.  Andemo. (a Isidoro) Sior Benetto.
(gli fa cenno che vada)

[p. 510 modifica]

Isidoro. Dove voler mi vegna? (a Anzola)

Anzola.  A far un servizietto. (a Isidoro)
Benetto. (Avanti de impegnarve, penseghe suso un poco).
(piano a Anzola)
Anzola. (Se vede ben, compare, che gh’ave dell’aloco.)
(piano a Benetto)
Benetto. Gramarzè.5
Anzola.  Destrighemose. La me daga la man.
(a Isidoro che pensa)
No gh’ho miga la rogna.
Isidoro.  Dove?
Anzola.  Poco lontan.
Qua no se tira in trappola, no se fa zo la zente.
Se no volè vegnir, no me n’importa gnente.
Isidoro. (Va smaniando e sospira.)
Anzola. Eh vegnì via, sior pampano6; no suspirè cussì.
Eh, che ghe ne avè voggia, più che no ghe n’ho mi.
Andemo, vegnì via. (a Isidoro) No ne lassè andar soli.
E no i se move gnanca. Vardè là che pandoli.
(a Gasparo e Benetto; poi parie, tirando a sè Isidoro)
Gasparo. Cossa diseu, compare?
Benetto.  Cossa voleu che diga?
Gasparo. Taso; ma se savessi! sopporto con fadiga.
Benetto. La xe po de bon cuor. Eh! lassemola dir. (parte)
Gasparo. Che caro comparetto! el la sa compatir. (parte)

SCENA III.

Altra camera nella casa stessa.

Checca, Tonino, Betta e Bastiana.

Betta. Orsù, co la xe fatta, no la xe più da far.

Bastiana. E quando la xe fatta, no la se pol desfar.
Checca. Bisogna che ghe sia del mal, che no la vien.
Tonino. Se sentissi el mio cuor, come el me sbatte in sen.

[p. 511 modifica]

Bastiana. Putti, fè a modo nostro; fe presto, e destrigheve.

Betta. Nassa quel che sa nasser, minchionelo. Sposeve.
Tonino. Checca, cossa diseu?
Checca.  Cossa me diseu vu?
Betta. In sta sorte de casi, no se ghe pensa su.
Tolè, deghe l’anello. (dà l’anello a Tonino)
Tonino.  Voleu? (a Checca)
Checca.  Sì, caro fio.
Tonino. Questa xe mia muggier. (le mette l’anello in dito)
Checca.  Questo xe mio mario.
Bastiana. La novizia xe fatta.
Betta.  El matrimonio tien.
Checca. Me par de sentir zente.
Betta.  Andè a veder chi vien.
(a Bastiana che va alla porta)
Bastiana. Putti, putti, sior’Anzola co vostro barba.
Tonino.  Oimei!
Betta. Cossa gh’aveu paura? no se miga puttei.
Tonino. Ma no vôi che el me veda.
Checca.  No me lassar, Tonin.
Tonino. Lasseme che me sconda sotto sto taolin.
(si nasconde sotto al tavolino)
Betta. Cossa diseu, Bastiana?
Bastiana.  Oh, che matto! vardelo.
Checca. Che i diga quel che i vol; son soa, el m’ha dà l’anelo.

SCENA IV.

Angiola, Isidoro e detti.

Anzola. Patrone riverite. Xela qua mia cugnada?

(Xelo andà via Tonin?) (piano a Betta)
Betta.  (Oe, zitto. El l’ha sposada).
(piano a Anzola)
Anzola. (Sposada?) (piano a Betta)

[p. 512 modifica]

Bastiana.  (Oe, a so barba parecchieghe l’aseo).

(piano a Anzola)
Anzola. (Perchè?)
Bastiana.  (Perchè Checchina la gh’ha l’anello in deo).
Anzola. (Oh poveretta mi! Che confusion xe questa?
Che caso! che desordene! Oh, me va via la testa).
(da sì)
(Tocco de frasconzela; lassè che veda. Brava).
(piano a Checca, osservandole l’anello)
Checca. (Adesso la me cria; za me l’imaginava.
Ma che la diga pur; no la se desfa più). (da sè)
Anzola. (Son intrigada morta adesso con costù). (da sè)
(Sposarla in sta maniera senza la mia licenza?
Voleu che ve la diga, che la xe un’insolenza).
(piano a Betta e Bastiona)
Betta. (Cossa diseu? Tolè cossa che se vadagna). (a Bastiano)
Bastiana. (Dopo che avemo fatto, adesso la ne magna). (a Betta)
Anzola. Digo, sior Isidoro... se la volesse andar...
Perchè za ghe xe tempo. (Mi no so quala far). (da si)
Isidoro. To parole val tanto; to dir molto poder;
Ma occhi de Checchina poder quel che voler.
Basta che diga voggio; mi forza dir de sì.
Checca, de cuor in petto stara patrona ti.
Checca. (Cossa diselo?) (a Betta)
Betta.  (Zitto, che no capisse gnente).
Isidoro. (No me responder gnanca?) (a Anzola)
Anzola.  Grama, la xe innocente.
(coi denti stretti, voltandosi poi a Checca)
Isidoro. Vegnir qua. (a Checca)
Checca.  Mi? Sior no.
Isidoro.  Vegnir mi donca ti.
(si accosta a Checchina)
Checca. (Defendème, creature). (a Betta e Bastiona)
Anzola.  Oh, poveretta mi!
Isidoro. Tegnir. (le vuol dar l’anello)

[p. 513 modifica]

Checca.  Grazie dasseno. (lo ricusa)

Isidoro.  Tegnir, mi dar anello.
Checca. No lo voggio.
Isidoro.  Perchè?
Checca.  Perchè ghe n’ho un più bello.
(mostra il suo)
Isidoro. Anzola, anello in deo? Che vol dir? come andar?
Star Checca maridada, o star da maridar? (a Anzola)
Anzola. Maridada Checchina? Quando? come? con chi?
Mi ghe digo de no. (con caricatura)
Checca.  Mi ghe digo de sì. (contraffacendola)
Betta. Oh bella!
Isidoro. (Guarda bruscamente ora una, ora l’altra.)
Bastiana.  Oh bona!
Anzola.  Ah sporca, senza dir gnente a nu?
Checca. Cossa voleu che diga, se lo savè anca vu?
Isidoro. (Guarda bruscamente Anzola.)
Anzola. Oh sior no, no so gnente. (con qualche timore)
Isidoro.  Femena mi burlar? (con sdegno)
Anzola. Sior, se mi lo saveva, che me possa coppar.
Isidoro. Busiara ti? (a Checca)
Checca.  Sior no.
Isidoro. (Si volta ad Anzola.)
Anzola.  No, in parola d’onor.
Isidoro. Bocca, bocca de donna! donna che sconde cuor.
Mi no voler de femena sentir gnanca parlar;
Ti maledetta bocca voler mi innamorar. (a Anzola)
Finzer star bona bona, e amor scender in sen.
Dir no voler anello, e anello in deo ti tien?
No parlar, no vardar, per modestia scampar?
Star innocente? corno! Furba, furba ti star. (a Checca)
E donne, donne, donne! tutte star donne ladre.
(verso di tutte)
E ti che Anzola ha nome, de diavolo star madre.
(a Anzola)

[p. 514 modifica]

Ma mi no star chi stara, no stara Cacoicchia,

Se ti no te portarà a bordo con caicchia. (a Checca)
E ti, to casa, e tutto to parentà no far
Tonina taggiar fette, barila salmastrar. (a Anzola)
Anzola. Cospetto mo de diana, sior Isidoro caro,
Me fè co ste bulae vegnir suso el cataro.
Sentirse a strapazzar, paron, no semo usi.
Paura no gh’avemo gnanca dei brutti musi.

SCENA ULTIMA.

Gasparo, Benetto e detti.

Anzola. E se anderè drio troppo a seccarme la mare...

Vegnì qua, sior mario, vegnì qua, sior compare.
Isidoro. Omena sì vegnir, con omena sfogar.
(mette mano contro li suddetti due)
Benetto. Agiuto. No so gnente. (Si difende dietro al tavolino)
Gasparo.  L’è matto da ligar.
(si difende dietro al tavolino)
Isidoro. Voler da ti saver, perchè con mi burlar;
O da mia man, te zuro, to vita no scampar.
Gasparo. No so gnente. (di lontano)
Benetto.  No gh’intro. (di lontano)
Anzola.  Dove xelo Tonin? (a Betta)
Betta. (Sconto, povero gramo, sotto quel taolin). (a Anzola)
Anzola. (Per liberarne nu, no gh’è altro remedio). (da sè)
Fenimola sta istoria, liberemo sto assedio.
Co l’ho offerto Checchina, la giera in libertà;
E se la xe sposada, questo ve lo dirà.
(leva il tappeto, e si scopre Tonino)
Isidoro. Come!
Tonino.  Caro sior barba.
Isidoro.  Star ti?
Tonino.  Sior barba caro.
Checca. (Oh poveretta mi!) (da sè)
Anzola.  Tolè suso. Gh’ho caro. (a Checca)

[p. 515 modifica]

Isidoro. Ti Checchina sposar?

Tonino.  Sior sì; mi l’ho sposada
Za un poco, e no l’ho dito gnancora a so cugnada:
Quando gieri de là, per paura de vu7.
L’ho fatta.
Bastiana.  E testimoni del fatto semo nu.
Cossa vorressi dir?
Anzola.  Vedeu col manazzar8?
Mi no saveva gnente. Ve podè sincerar. (a Isidoro)
Bastiana. Alla fin el xe zovene.
Betta.  Pare nol lo gh’ha più.
Anzola. Sè so barba, ma in questo nol depende da vu.
Checca. El vol la libertà.
Bastiana.  El se voi separar.
Anzola. No lo podè impedir, se el se vol maridar.
Betta. L’intrada la xe soa.
Bastiana.  I è tremile ducati.
Anzola. E dei altri negozi i conti no i xe fati.
Checca. Mi voggio star con elo, questo è quel che me preme.
Betta. E no l’ha più d’andar in Levante.
Bastiana.  Se sa.
L’ha da star a Venezia.
Betta.  Dove el xe sta arlevà.
Anzola. Se avè desfatto casa, che el la torna a impiantar.
Bastiana. No se va più in Levante.
Betta.  No se va più per mar.
Nevvero? (a Tonino)
Tonino.  Son confuso.
Betta.  E vu, cossa ve par? (a Isidoro)
Isidoro. Che voler che mi diga? Donne sempre parlar.
Anzola. E vualtri marzocchi, cossa feu in quel canton?
(a Gasparo e Benetto)
Benetto. Xeli fenii i sussurri?

[p. 516 modifica]

Gasparo.  Xe fenia la custion?

Anzola. Vegnì avanti, sentì, impazzevene un poco.
Gasparo. Eh, fè vu, cara vecchia, che mi son un aloco.
Anzola. Disè vu, sior compare.
Benetto.  Mi no gh’intro in sti fati.
Basta che sior Tonin me daga i mi ducati.
Tonino. Doman ve li darò. Caro sior barba, alfin
No gh’ave altri al mondo che el povero Tonin.
Me son innamora; cossa mai se pol far?
Indrio, co la xe fatta, no se poi più tornar.
Mi no credeva mai che vu ve innamorassi:
Le donne, come el tossego, credeva che le odiessi.
V’ho sentio a dir: mi donna sempre voler scampar.
Quando che vender donna, mi no voler comprar:
Aver mi visto mondo per tutta vita mia.
Che sempre vender donna cattiva marcanzia.
Mi tante e tante volte v’ho sentio a dir cussì;
La marcanzia sprezzevi, e l’ho comprada mi.
De quel che xe negozio, se me volè privar.
Pazienza, coll’intrada me poderè inzegnar.
Se volè star insieme, sarè paron del mio:
Vu me fare da pare, mi starò come fio.
Vu in Levante al negozio, e mi resterò qua.
Cussì le cose nostre nissun le saverà.
Vu anderè colla nave scorrendo in alto mar.
E mi co la novizza resterò a navegar. (a Isidoro)
Anzola. Vardè co spiritoso!
Bastiana.  Vardè che bon cervello!
Betta. El xe bravo dasseno.
Checca.  L’è mo, che el xe anca bello.
Isidoro. Ah, nevoda, nevoda. No te voler privar.
To dir aver mi fatto pochettin vergognar.
Visto per esperienza quel che pol bel visetto;
Se tanto far mi omo, cossa far zovenetto?
Ti perdonar; ma a ti no perdonar mai più. (a Anzola)

[p. 517 modifica]

Anzola. Cossa mai v’oggio fatto?

Isidoro.  Donna aver cognossù.
Anzola. Via, no parlemo altro, za che la xe fenia.
Pensemo a far sta nozze in pase e in allegria.
In presenza de tutti la man torneve a dar.
Tonino. Via, vegnì qua, Checchina.
Checca.  No me fazzo pregar.
Tonino. Tolè la man; ve sposo in presenza de tutti.
Checca. Oh caro el mio Tonin.
Anzola.  Cari, cari quei putti.
Seu contento, sior Gasparo, che la sia maridada?
Gasparo. Mi sì, son contentissimo.
Anzola.  Vedeu? mi l’ho logada.
Me lodeu, sior compare?
Benetto.  No se poi far de manco.
Anzola. (Cussi gh’avemo in casa un desturbo de manco).
Seu contenta, Checchina?
Checca.  Mi sì, mi sì, dasseno.
Bastiana. Sta sera femio nozze?
Checca.  Mi sta sera no ceno.
Anzola. Vôi che femo pulito, ma che spendemo poco.
Che chi butta via el soo, fa figura de aloco.
Faremo una cenetta in piccolo da nu.
Sior compare Benetto, sto onor fevelo vu.
Benetto. Comandè, cara fia.
Anzola.  No vôi torte e pastizzi,
Qualcossa che desmissia el cuor de sti novizzi.
Sentì, cugnada cara, la scuola che ve dago,
E po la vostra camera a parecchiar ve vago.
Se da putta sè stada bona e savia con nu,
Procure col mario de farve ancora più.
Gasparo. A pian un pochettin su sto ponto, sorella;
Siè bona col mario, come che la xe ella.
Anzola. Via tasè là, sior sempio, che ve responderò.
Gasparo. Sentiu che bona grazia?

[p. 518 modifica]

Anzola.  El m’ha fatto andar zo.

Quel che voleva dirve, xe questo, putta cara:
Vardè ben che la pase la xe una cossa rara.
Procurevela in casa quanto che mai podè;
Col cria, andè colle bone, o pur no respondè.
El me varda, sior Gasparo, el me varda; sior sì:
Coi altri se xe bone, con vu se fa cussì.
Fenimo sto discorso. No ghe pensè de mode.
Le donne de giudizio le va pulite e sode.
Pratichè zente bona, che ve possa insegnar,
No de quelle che adesso se vede praticar,
Che quando le va in maschera, se mena drio la coa.
Fè che i diga, la xe Donna de casa soa.
Ghe xe delle altre cosse da dirve; ma le taso:
Ve le dirò in scondon. Tolè, Checchina, un baso.
La novizza, patroni, xe fatta, e fatta sia.
Omeni, donne, tutti, bona sera sioria.

Fine della Commedia.

  1. Leggasi quacie quacie: ossia quatte quatte. Quacchio dicesi di chi se ne sta «chinato e basso» per nascondersi: Patriarchi e Boerio.
  2. Pulcini.
  3. Accarezzato.
  4. «Cencio molle ecc. Dicesi d’uomo timido e freddo»; Boerio. «Un cotal floscio»: Cameroni, l. c.
  5. Grammercè; tante grazie: v. Patriarchi e Boerio.
  6. Signor minchione.
  7. Nelle edizioni del Settecento c’è qui il punto fermo. Qualche ed. più recente ha la virgola.
  8. Minacciare.