Le odi di Orazio/Libro primo/XIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro primo
XIII

../XII ../XIV IncludiIntestazione 27 novembre 2012 100% letteratura

Quinto Orazio Flacco - Odi (I secolo a.C.)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1883)
Libro primo - XII Libro primo - XIV
[p. 31 modifica]

XIII.


    Se tu, Lidia, di Telefo
Il collo roseo lodi, di Telefo
    Le lattee braccia, fervido
4Di bieca collera gonfia il mio fegato.

    Mente e color non restami
In sede stabile; furtivo rigami
    Umor le gote, e t’indica
8A che pigri intimi fochi io mi maceri.

    Ardo, o che i candid’omeri
Tra ’l vino immodiche risse bruttaronti,
    O traccia a’ labbri memore
12Furente giovane col dente impresseti.

[p. 32 modifica]


    Non mai costante, ascoltami.
Sperar chi barbaro lede i dolcissimi
    Baci, a cui del suo nèttare
16La quinta mescola essenza Venere.

    Beati lor, cui vincolo
Stringe perpetuo, nè Amore, ad improbe
    Risse divelto, celere
20Via più dell’ultimo giorno li sèpara!