Le odi di Orazio/Libro secondo/X

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro secondo
X

../IX ../XI IncludiIntestazione 14 gennaio 2015 100% letteratura

Libro secondo - IX Libro secondo - XI
[p. 81 modifica]

X.


Meglio vivrai, Licinio, ove nè sempre
    Tu ti avventuri ad alto mar, nè troppo
    A fuggir cauto le procelle, premi
            4Il lido iniquo.

Aurea mediocrità chiunque ha cara
    Si tien lungi da vil sordido tetto
    Securo, e lungi da invidiata reggia
            8Sobrio si tiene.

[p. 82 modifica]


Più spesso a’ venti s’agita l’immenso
    Pino; s’atterran con maggior ruina
    Le torri eccelse; il fulmine i più alti
            12Monti ferisce.

Spera tra’ casi avversi, in tra’ secondi
    Teme contraria sorte un ben munito
    Petto. Gl’inverni procellosi Giove
            16Adduce, ed esso

Li scaccia. S’ora è mal, non fu, nè fia
    Sempre cosi. Le Muse, assai già mute,
    Suscita con la cetra: ognora l’arco
            20Non tende Apollo.

Tu nelle angustie coraggioso e forte
    Móstrati; al vento favorevol troppo
    Ammàina tu stesso accortamente
            24Le gonfie vele.