Le odi di Orazio/Libro secondo/XI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro secondo
XI

../X ../XII IncludiIntestazione 14 gennaio 2015 100% letteratura

Libro secondo - X Libro secondo - XII
[p. 83 modifica]

XI.


Ciò che il guerriero Cantabro mediti,
    Irpino Quinto, ciò che dall’Adria
        Frapposto lo Scita diviso,
        4Non cercar, non tremare al pensiero

D’angustíosa vita: s’involano
    Gioventù fresca e beltà all’arida
        Canizie, che amori lascivi
        8Ed agevoli sonni discaccia.

Non sempre i fiori d’april pompeggiano;
    Non sempre a un modo rosseggia nitida
        La luna: in propositi eterni
        12A che l’anima breve affatichi?

O perchè, all’ombra d’un alto platano
    Ovver di questo pino sdrajandoci,
        Odorati di rose il crin bianco,
        16E di nardo d’Assiria soffusi,

[p. 84 modifica]


Finchè ci è dato, non bere? Dissipa
    Evio l’edaci cure. Qual celere
        Garzon dell’ardente falerno
        20Tempra i nappi nell’onda fugace?

Chi fuor di casa trarrà la dèvia
    Ragazza Lide? Su, di’ che affrettisi
        Con cetra d’avorio ed incolta
        24Chioma attorta alla foggia spartana.