Le piacevoli notti/Notte IX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Notte IX

../Notte VIII/Favola VII /Favola I IncludiIntestazione 23 giugno 2015 100% Da definire

Notte VIII - Favola VII Notte IX - Favola I
[p. 121 modifica]

Notte Nona


Aveva ormai la secca terra mandata fuori l’umida ombra della scura notte, e gli vaghi uccelli sopra li fronzuti rami delli diritti arbori nelli lor nidi chetamente posavano, quando l’amorevole e onorata compagnia, posto da parte ogni noioso pensiero, al solito luogo si ridusse. E poscia che con lento passo furono fatte alquante danze, la Signora comandò che ’l vaso fosse recato; e postovi dentro di cinque donne il nome, la prima che uscì fu Diana, l’altra Lionora, la terza Isabella, la quarta Vicenza e la quinta Fiordiana. Ma prima che dessero principio al favoleggiare, volse la Signora che tutte cinque con i loro lironi cantassero una canzonetta. Le quali con lieto viso e con angelico sembiante in tal maniera dissero.

Sconsolate erbecine,
     Dov’è il valor, dov’è la gloria vostra
     E i gentil sguardi de la donna nostra?
     Ahimè, smarrito è il lume.
     Anzi ’l bel sol ch’ogni altro discolora,
     Che per divin costume
     Ci facevan gioir ad ora ad ora,
     E la nobil sembianza
     Dolcemente allargar a gli occhi il freno.
O fallace speranza,
     Come Amor n’hai del bel viso sereno
     In tutto privi e sconsolati a pieno.

Non senza qualche acceso sospiro fu ascoltata l’amorosa canzone, la qual forse d’alcuno penetrò le radici del cuore. Ma ciascuno il suo segreto amore [p. 122 modifica]dentro nel petto nascosto ritenne. Indi la gentil Diana, sapendo il primo luogo del favoleggiar a lei toccare, non aspettando altro comandamento, alla sua favola diede felice principio.


Indice