Le piacevoli notti/Notte XIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Notte XIII

../Notte XII/Favola V ../Notte XIII/Favola I IncludiIntestazione 14 agosto 2015 100% Da definire

Notte XII - Favola V Notte XIII - Favola I
[p. 245 modifica]

Notte decimaterza.


Già Febo aveva queste parti nostre abbandonate, e il lucido splendor del giorno erasi già partito, nè più cosa alcuna manifestamente si conoscea, quando la Signora uscita di camera, con le dieci damigelle andò fino alla scala, ricevendo lietamente la nobil compagnia, che già di barca era smontata. E postisi tutti a sedere secondo i loro gradi, disse la Signora: Mi parrebbe cosa convenevole che, dopo fatti alquanti balli e cantata una cancione, tutti, sì gli uomini come le donne dicessero una favola; perciò che non è onesto le donne aver solamente questo carico. E però, piacendo tuttavia a questa onorevole compagnia, ogn’uno racconterà la sua, con condizione però che breve sia, acciò che questa ultima sera di carnesale tutti possiamo favoleggiare. E il signor ambasciatore, come persona principal tra noi, sarà il primo; indi di uno in uno seguiranno gli altri, secondo gli ordini loro. Piacque a tutti il consiglio della Signora e poscia ch’ebbero fatte alcune danze, la Signora comandò al Trevigiano e al Molino che accordassero i loro stromenti e una canzonetta cantassero. I quali, figliuoli d’ubbidienza, presero i loro liuti e la sequente cancione cantarono: [p. 246 modifica]

— Donna, quanta bellezza e leggiadria
     Giamai fu in alma pura,
     Tutta la pose in voi gentil natura.
S’io miro nel bel viso
     La bellissima gola il bianco petto,
     Nel qual si regge e si vaneggia amore,
     Dico nel mio concetto:
     Siete creata certo in paradiso
     E mandata qua giù a far onore
     Al secol nostro e trarlo fuor d’errore,
     E mostrar quanto sia,
     Dopo molto girar di caldo e gelo,
     La gloria dei beati su nel cielo.

La canzone dal Trivigiano e dal Molino cantata molto piacque, e a pieno tutti la comendarono. La qual finita, la Signora pregò il signor ambasciatore che al favoleggiare desse principio. Ed egli, che non era villano, così a dire incominciò.


Indice